Assunta numero 17.000, sempre desiderato lavoro come questo

'Fin dall'inizio degli studi volevo lavorare in multinazionale'

Redazione ANSA ROMA

   E' proprio un sogno che si avvera quello di Lara, che a 29 anni è diventata la dipendente numero 17mila del gruppo Menarini. Non solo un posto di lavoro, ma anche in un grande gruppo e a due passi da casa. "E' veramente gratificante - racconta -, io fin dall'inizio ho orientato i miei studi per avere la possibilità di trovare impiego in una azienda multinazionale come è Menarini, e quindi è una grande soddisfazione questo contratto. In più la sede è proprio a Firenze, a due passi da casa, una grande fortuna che condividiamo in tanti".
    La sede di lavoro è vicino casa, spiega la ricercatrice, ma in realtà la sua mansione guarda molto lontano dall'Italia.
    "Nello specifico mi occupo del settore regolatorio dell'azienda - spiega - nel gruppo di lavoro di cui faccio parte mi occupo dell'immissione in commercio dei farmaci al fine di renderli disponibili nel minor tempo possibile ai pazienti. L'area che mi è stata assegnata è quella dell'Asia-Pacifico, che a partire dall'hub di Menarini a Singapore controlla 12 paesi intorno, ed io mi occupo dell'immissione in commercio dei nuovi farmaci che devono essere registrati".
    Il lavoro è appena iniziato ma dà già soddisfazioni. "Sto molto bene nel mio settore al momento - sottolinea la neoassunta - la voglia è di mantenersi su questa scia e imparare il più possibile da questa ottima opportunità". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA