La dieta salva-gengive, migliorano in 4 settimane

Tanta frutta, verdura,omega 3, pochi zuccheri e proteine animali

Redazione ANSA ROMA

   Una dieta sana ricca di frutta e verdure, Omega 3 e povera di carboidrati reduce la gengivite, allevia l'infiammazione gengivale in modo significativo. Bastano 4 settimane di questa dieta per osservarne gli effetti positivi sulle gengive.
    Lo rivela una ricerca che sarà presentata ad Amsterdam in occasione di Europerio 9, il congresso della Federazione Europea di Parodontologia, il più grande incontro mondiale in questo settore.
    Condotta da Johan Wölber, del Centro di Medicina dentale presso l'università di Freiburg, Germania, lo studio è un vero e proprio trial clinico in cui sono stati confrontati gli effetti di una dieta sana con una di controllo sulla salute delle gengive.
    La gengivite è l'infiammazione delle gengive ed è caratterizzata da gengive sanguinanti e gonfie e difficoltà di masticazione. Se non curata può portare alla parodontite.
    Gli esperti hanno condotto una sperimentazione clinica chiedendo a parte di un campione di pazienti con gengivite di seguire per 4 settimane una speciale dieta povera di cibo industriale zuccheri e proteine animali, ma ricca in grassi Omega 3, vitamine C e D, antiossidanti, nitrati vegetali e fibre. Il gruppo di controllo, invece, semplicemente non doveva mutare le proprie abitudini alimentari caratterizzate da un'alimentazione stile occidentale con tanti zuccheri e proteine animali, grassi saturi e pochi cibi di origine vegetale. Gli esperti hanno chiesto ai partecipanti di non effettuare la pulizia interdentale durante le 4 settimane e hanno misurato I loro parametri clinici parodontali all'inizio e alla fine dello studio.
    Dopo le 4 settimane la gengivite si è ridotta del 40% (un valore significativo) negli individui che avevano adottato la dieta sana. Lo studio suggerisce che a tavola ci si potrebbe difendere pure dalla parodontite, conclude Wölber; è importante che i dentisti raccomandino ai propri pazienti una dieta sana oltre che la corretta igiene orale. 
   

Sull'argomento è intervenuto Mario Aimetti, presidente della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia: “Sappiamo che esiste un'associazione tra i parametri infiammatori sistemici come Proteina C-Reattiva, IL-6 e TNF-a. Una ricerca presentata in queste ore sottolinea come l'alimentazione e lo stile di vita possano agire positivamente sulle difese immunitarie dell’organismo. Questo però non significa far venire meno la necessità inderogabile di eseguire in modo corretto le manovre di igiene orale per una completa rimozione della placca batterica.”

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA