Batteri intestinali potrebbero influenzare temperamento bebè

Studio su neonati, talune specie legate a maggiore allegrezza

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 19 GIU - I batteri intestinali potrebbero influenzare il temperamento del bebè, con effetti potenzialmente a lungo termine sull'indole dell'individuo. Lo rivela uno studio finlandese pubblicato sulla rivista Brain, Behaviour, Immunity nell'ambito del progetto 'FinnBrain' che coinvolge oltre 4000 famiglie i cui bambini saranno seguiti dalla nascita fino all'età adulta.
    Numerosi studi hanno associato una certa flora intestinale (il microbiota, ovvero l'insieme dei batteri che 'colonizzano' il nostro intestino) con le malattie neurologiche più disparate, dal Parkinson alla depressione e all'autismo, ma resta tutto da dimostrare che vi sia una relazione di causa-effetto tra tipologia e varietà di microrganismi che albergano l'intestino e indole, condizioni mentali o addirittura disturbi psichiatrici dell'individuo.
    Questo studio ha coinvolto 303 neonati, il cui microbiota è stato analizzato praticamente alla nascita; i dati raccolti sono stati confrontati con l'indole del bambino nei mesi successivi.
    È emerso che i bimbi più sorridenti, che esprimono allegria e piacere nelle interazioni con gli altri e poche reazioni di spavento presentano nell'intestino una più ampia varietà di batteri e una ricchezza di specie del genere 'Bifidus', già associato in passato a ridotti problemi di salute.
    Condotto presso l'Università di Turku, si tratta di uno studio ancora preliminare cui seguiranno studi a lungo termine per riesaminare il carattere dei bambini a distanza di anni, e anche l'analisi dettagliata delle sostanze rilasciate dai microrganismi come sottoprodotti della digestione dei cibi, che potrebbero avere un impatto diretto sul cervello attraverso l'asse 'intestino-cervello'.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA