Un bullo? I bimbi sanno riconoscerlo già a 21 mesi

Già a quell'età distinguono il potere basato sul rispetto da quello fondato sulla paura

Redazione ANSA ROMA

Un bullo? I bambini sanno riconoscerlo già a 21 mesi. Già a quell'età sono infatti in grado di distinguere tra il potere basato sul rispetto esercitato da una persona che si propone come leader e quello basato sulla paura esercitato da un bullo. Lo rileva una ricerca dell'Università dell'Illinois a Urbana-Champaign, pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences. Lo studio ha analizzato in particolare l'attitudine a tenere lo sguardo fisso su una cosa dei bambini, un approccio standard per misurare le aspettative quando sono troppo piccoli per spiegare il proprio modo di pensare agli adulti. Il punto da cui si è partiti è un metodo detto di "violazione dell'aspettativa", che si basa sull'osservazione che i bimbi fissano più a lungo gli eventi che contraddicono le loro aspettative. Il team di ricerca ha fatto vedere a quasi 100 bambini, di età compresa tra 20 e 22 mesi, diversi video animati che raffiguravano un leader rispettato che diceva a un gruppo di personaggi di andare a letto e un bullo violento che faceva lo stesso. In alcuni di questi video, i leader o i bulli si sono soffermati a vedere se i loro comandi venivano seguiti. In altri, se ne sono andati dopo aver emesso i loro ordini. In alcuni scenari, inoltre, i personaggi hanno seguito i comandi mentre in altri non l'hanno fatto.I bambini in generale si aspettavano che i personaggi seguissero gli ordini del leader rispettato, indipendentemente dal fatto che fosse presente o meno a vederli, e si mostravano anche sorpresi quando non veniva ascoltato. Si attendevano anche che i personaggi seguissero gli ordini del bullo quando era presente, ma, cosa interessante, non esprimevano alcuna sorpresa quando i personaggi gli disobbedivano in sua assenza.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: