Vaccini: Fimp, valutabile stop obbligo con aumento coperture

Federazione medici pediatri, in Italia 400 casi morbillo in 2017

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 29 SET - Il sistema dell'autonomia regionale ha comportato per 15 anni una offerta vaccinale diversa tra Regione e Regione. Ciò creava situazioni inaccettabili. Oggi le Regioni sono impegnate a recuperare tutti i bambini non vaccinati e ciò crea ritardi nei Livelli essenziali di assistenza. Se si applicassero questi si potrebbe pensare di togliere l'obbligo non appena le coperture vaccinali risaliranno". Lo ha detto Giorgio Conforti, responsabile della rete vaccini della Federazione italiana medici pediatri (Fimp), a margine dei lavori dell'XI congresso nazionale a Roma.
    "Nei primi quattro mesi del 2017 in Uganda ci sono stati 4 casi di morbillo con un decesso. In Italia nella prima metà di quest'anno ci sono stati 4000 casi della stessa malattia con 4 morti - ha aggiunto -. In Stati americani, come quello della California, la reintroduzione dell'obbligo ha fatto salire le coperture vaccinali, specie del morbillo".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA