Vitamina D non protegge il cervello da Parkinson e Alzheimer

Ma esposizione al sole potrebbe avere impatto benefico su organo

Redazione ANSA ROMA

La vitamina D non è protettiva per il cervello. È improbabile infatti che salvaguardi dalla sclerosi multipla, dal Parkinson, dall'Alzheimer o da altri disturbi legati al cervello. Lo rileva una ricerca dell'Università australiana di Adelaide, pubblicata su Nutritional Neuroscience.
    Sulla base di una revisione sistematica di oltre 70 studi preclinici e clinici, gli studiosi hanno analizzato il ruolo della vitamina D in un'ampia gamma di malattie neurodegenerative.


    "Studi precedenti avevano scoperto che i pazienti con una malattia neurodegenerativa tendevano ad avere bassi livelli di vitamina D rispetto a persone sane", evidenzia Krystal Iacopetta, autrice principale della ricerca. "Ciò - aggiunge- ha portato all'ipotesi che l'aumento dei livelli di vitamina D, attraverso una maggiore esposizione ai raggi UV e al sole o prendendo integratori, potrebbe potenzialmente avere un impatto positivo. Una convinzione diffusa è che questi supplementi potrebbero ridurre il rischio di sviluppare disturbi correlati o limitare la loro progressione. I risultati della nostra revisione approfondita e un'analisi di tutta la letteratura scientifica, tuttavia, indicano che non è così e che non ci sono prove convincenti a sostegno della vitamina D come agente protettivo per il cervello".

Ad ogni modo, il professor Mark Hutchinson, altro autore della ricerca, nota che ci possono essere prove che l'esposizione solare possa avere un impatto benefico sul cervello, in modi diversi da quelli relativi ai livelli di vitamina D: "Potrebbe essere che un'esposizione al sole ragionevole e sicura sia un bene per il cervello e che ci siano nuovi ed entusiasmanti fattori in gioco che dobbiamo ancora identificare e misurare", sottolinea. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: