Con il clima cambia anche il calcio, più rischi per gli atleti

Campi sempre più caldi, colpi di calore come traumi cranici

Redazione ANSA ROMA

 Effetti dei cambiamenti climatici anche sul calcio. Prestazioni, orari di gioco e anche l'esperienza dei fan si stanno modificando. Lo sottolinea un articolo su Scientific American, secondo cui anche la salute dei giocatori e delle giocatrici è messa a rischio dalle giornate sempre più calde.
    "Giocare con il caldo è sempre stato un aspetto del gioco - commenta Mary Harvey, executive director del Centre for Sport and Human Rights ed ex portiere della nazionale Usa - ma ora le cose sono diverse". Alcuni esempi dei problemi suscitati dalle giornate sempre più calde, riporta l'articolo, sono emersi anche in questo periodo, con le partite dei Mondiali femminili e della Coppa d'Africa condizionate dal grande caldo. Proprio in Egitto un giocatore della Nigeria è stato ricoverato per una grave disidratazione durante un allenamento. "C'è un rischio aumentato di infortuni legati al caldo durante le partite - spiega Kristina Dahl, ricercatrice della Union of Concerned Scientists - dovuta al fatto che i team hanno un numero limitato di sostituzioni. Come avviene anche per i traumi cranici i giocatori cercano di rimanere in campo il più a lungo possibile per il bene del proprio team, a detrimento della salute".
    Il problema, sottolinea l'articolo, si presenterà verosimilmente anche durante gli eventi in programma nei prossimi anni, a partire dai Mondiali 2022 in Qatar, che non a caso si terranno a Novembre e Dicembre, e dalle Olimpiadi di Tokyo del 2022. Per i Giochi si sta pensando a soluzioni che vanno da anticipare l'orario di inizio delle gare a usare pavimenti speciali che riflettono la luce solare per abbassare la temperatura al suolo durante la maratona per proteggere gli atleti. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA