Prevenzione salva-vita, porte aperte in 200 Cardiologie

Screening gratuiti e informazioni, parte la campagna 'Per il tuo cuore'

Redazione ANSA ROMA

 Le malattie cardiovascolari rappresentano ancora oggi la principale causa di morte in Italia e la prima cura per combatterle è la prevenzione. Su questo si sofferma la nona edizione della Campagna Nazionale Per il Tuo cuore 2018 per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, promossa dalla Fondazione "Per il Tuo cuore" onlus e da ANMCO - Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri, che durerà fino al 18 febbraio, che offre anche screening gratuiti. Nel corso della settimana torna infatti l'appuntamento di Cardiologie Aperte, in cui oltre 200 cardiologie sul territorio nazionale apriranno gratuitamente le porte per sensibilizzare sul tema della prevenzione cardiovascolare. Sono previsti screening cardiologici personalizzati, divulgazione di materiale informativo, dibattiti con gli esperti e attività di educazione sanitaria. "L'iniziativa offre la possibilità di assistere a importanti momenti di incontro con esperti di cardiologia e di effettuare gratuitamente uno screening cardiovascolare che in alcuni casi può salvare una vita", sottolinea Michele Gulizia, Presidente della Fondazione "Per il Tuo cuore". "Protagonista di eccellenza anche quest'anno la Banca del Cuore che grazie al progetto Truck Tour Banca del Cuore farà tappa nei prossimi mesi in oltre 30 città per incrementare la prevenzione e raggiungere il cuore di tutti gli italiani". Grazie al progetto tutte le strutture aderenti all'iniziativa rilasceranno gratuitamente ai pazienti una card Bancomheart personale con il proprio elettrocardiogramma, i valori della pressione arteriosa e altri esami clinici. Tutti i dati verranno custoditi in una "cassaforte" virtuale, consultabile anche a distanza, tramite computer, tablet o smartphone. L'elenco delle Cardiologie aderenti è disponibile sul sito www.periltuocuore.it. La campagna sarà attiva anche sui social con l'hashtag#periltuocuore2018. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA