Meno depressione post partum con nascite in inverno e primavera

Rischio minore anche con anestesia e se gravidanza a termine

Redazione ANSA ROMA

 Mese del parto, durata della gravidanza e anestesia influiscono sul rischio di avere la depressione post partum. Le probabilità di soffrirne sono minori infatti per le donne che partoriscono in inverno o primavera, che arrivano alla fine della durata prevista della gravidanza e se gli viene somministrata l'anestesia, come l'epidurale, durante il travaglio. Lo suggerisce uno studio del Brigham & Women's Hospital di Boston presentato al Congresso in corso della Società americana di anestesiologia. In particolare, in inverno e primavera si attiverebbe nella madre un meccanismo protettivo per il piacere di fare attività dentro casa con il proprio piccolo. Quando invece non si riceve l'analgesia, spiegano i ricercatori, c'è il rischio di vivere un travaglio traumatico, oppure, ipotizzano, è possibile che chi rifiuta l'anestesia abbia delle caratteristiche personali che la rendono più vulnerabile a questo tipo di disturbo. Il rischio di depressione post partum è inoltre più alto per chi ha un maggior indice di massa corporea, che può influire sull'aspetto e l'atteggiamento dopo il parto, mentre è minore per le donne di razza caucasica, forse per fattori socioeconomici. Infine, se il bimbo non nasce prematuro, la madre è meno stressata mentalmente al parto. "Volevamo vedere se c'erano alcuni fattori che possono influire sul rischio di sviluppare la depressione post partum e possono quindi essere prevenuti", commenta Jie Zhou, coordinatore dello studio. Almeno il 10% delle donne soffre di ansia e problemi depressivi dopo il parto. I sintomi sono tristezza, irrequietezza, agitazione, minore concentrazione.
    Nello studio sono stati analizzati i dati medici di oltre 20mila donne che avevano partorito tra giugno 2015 e agosto 2017 nell'ospedale: di queste, 817, pari al 4,1%, avevano sofferto di depressione post partum. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA