Vaccini: +4% morbillo, metà regioni indietro su polio

Lorenzin, mamme hanno capito ma sfida non è vinta

Redazione ANSA ROMA

 Crescono le vaccinazioni contro il morbillo di ben il 4,4% in tutta Italia ma solo una regione, il Lazio, supera il 95% di bimbi immunizzati, ovvero la soglia, raccomandata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per limitare la circolazione di queste malattie e proteggere anche chi il vaccino non può farlo per motivi di salute o di età.
    Anche la copertura vaccinale contro la polio aumenta del +1,21% rispetto al 2016, ma la metà delle regioni resta sotto la soglia di sicurezza del 95% di immunizzati. Lo indicano i dati per il 2017 del ministero della Salute.

Lorenzin, mamme hanno capito ma sfida non è vinta
"Il bilancio per quanto riguarda le vaccinazioni di bimbi da 0 a 6 anni è ottimo. Posso dire che la stragrande maggioranza dei genitori ha capito il rischio a cui sono esperti loro e i loro figli". Ma questo "non abbiamo risolto. Avremo risolto quando non ci saranno più morti per malattie prevenibili da vaccino e le epidemie saranno scomparse". A dirlo il ministro della Salute Beatrice Lorenzin a margine della conferenza stampa di presentazione delle coperture vaccinali dell'età pediatrica e dell'adolescente. "Stiamo arrivando", ha proseguito il ministro, "verso l'obiettivo della legge", ovvero il 95% di coperture da 0 a 6 anni, ma "questo non significa che dobbiamo rilassarci perché l'aumento della vaccinazione va estesa ad altre età critiche come adolescenti e anziani". Laddove, ha concluso, "anche i pediatri e i medici sono stati più proattivi abbiamo raggiunto migliori risultati e questa è la strada da proseguire".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA