Mercedes, MirrorCam su Actros per assistenza alla svolta

Quando la tecnologia è capace di aumentare la sicurezza

Redazione ANSA

Quando la tecnologia aiuta ad aumentare la sicurezza, anche sui mezzi pesanti. Accade per il nuovo Mercedes Actros che debutta ora con nuovi sistemi di assistenza alla guida. A bordo salgono nuovi sistemi tecnologici, come l'Active Drive Assist per la guida assistita ma la vera chicca è sicuramente la MirrorCam, anteprima mondiale per un truck. In pratica, il sistema di assistenza alla svolta utilizza il display della MirrorCam per inviare un segnale visivo al conducente, nel caso in cui nella zona di monitoraggio lato passeggero del truck compaia un oggetto fermo o in movimento. Il monitor, ad esempio, è in grado di segnalare tempestivamente la presenza di ciclisti o pedoni. La MirrorCam ed il sistema di assistenza alla svolta lavorano in piena armonia, evitando di sovraccaricare il conducente di informazioni e concentrando tutte le segnalazioni rilevanti in un'unica posizione.

Con il lancio del nuovo Mercedes-Benz Actros, il sistema di assistenza alla svolta è ora in grado di supportare il conducente anche nelle svolte a sinistra: nel caso dei truck con uno sbalzo del telaio superiore a 1,5m dall'ultimo asse posteriore, c'è il rischio di sbandamento a carico dell'angolo posteriore a destra del veicolo, con il rischio di causare pericolosi incidenti, con altri utenti della strada, come pedoni, ciclisti o altri autoveicoli. A bordo del nuovo Actros, il sistema di assistenza alla svolta interviene tempestivamente per avvertire il conducente del pericolo. Il sistema di assistenza alla svolta comunica attraverso una serie di avvisi a più livelli: quando un oggetto fermo o in movimento si trova nella zona di monitoraggio laterale sul lato passeggero, il conducente riceve una segnalazione ottica e sul display della MirrorCam, mentre dal lato passeggero si accende un simbolo triangolare di avvertimento. Se sussiste un pericolo di collisione, viene emesso un ulteriore avvertimento ottico ed acustico: la spia inizia quindi a lampeggiare ripetutamente in rosso e, dopo due secondi, diventa fissa. Inoltre viene emesso un segnale acustico di avvertimento dal lato passeggero.

Il cuore del sistema di assistenza alla svolta è costituito da due sensori radar di prossimità collocati sul telaio lato passeggero davanti all'assale posteriore del veicolo. Il sistema è progettato in modo da coprire l'intera lunghezza dell'autocarro, con l'aggiunta di due metri in avanti e fino a due metri dietro, e funziona sia su veicoli sia senza rimorchio sia con, per una lunghezza fino a 18,75m. Grazie alle MirrorCam, inoltre, si risolve il problema di specchietti non regolati correttamente. La telecamera infatti viene orientata automaticamente, con una regolazione ottimale prima dell'avviamento del motore, con il display che mostra la stessa immagine completa da ogni prospettiva.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: