Ram 1500 EcoDiesel, pick-up gasolio FCA che piace ai 'verdi'

Motore V6 Made in Italy, consumi e prestazioni record in Usa

Redazione ANSA ROMA

E' davvero sorprendente che Green Car Report, una delle più autorevoli riviste Usa dedicate alla eco-mobilità e dedicata al 99% ad auto elettriche ed elettrificate, dopo un test di 1.000 km al volante del nuovo pick-up Ram 1500 EcoDiesel 4x2 (uno dei modelli della gamma FCA per il mercato nordamericano) abbia scritto ''Con praticamente nessuna perdita di capacità e molta più efficienza, è difficile sostenere una discussione contro l'EcoDiesel montato nel 2020 Ram 1500''.

Lo stesso modello era stato nominato 2019 Green Truck dalla rivista specializzata in temi ambientali Green Car Journal, proprio _ si legge nella motivazione - per ''le caratteristiche ecologiche del Ram 1500''. Ora FCA, sulla scia del grande interesse suscitato da questa variante a gasolio del suo pick-up di maggiore successo, lancia nel mercato nordamericano il Model Year 2020 di Ram 1500, che con la motorizzazione EcoDiesel 4x2 è stato omologato per una percorrenza di 32 miglia per gallone, cioè 13,6046 km/litro / 7,35 litri per 100 km. E non si tratta di una variante allestita solo per fare 'immagine', ma di uno dei modelli più apprezzati proprio per le sue qualità dinamiche, grazie ai 260 Cv e soprattutto ai 650 Nm di coppia, il valore record nella categoria degli 'half ton', e per la capacità traino di 5.700 kg, anche questa il migliore valore del segmento.

Le qualità di questo modello, va ricordato, derivano dalla modernità del V6 3.0 prodotto da FCA nello stabilimento motori di Cento (in provincia di Ferrara) ex VM Motori. Nella sua terza generazione, questa unità a gasolio - che continua ad utilizzare due alberi a camme in testa con quattro valvole per cilindro e un angolo di 60 gradi tra le mancate - è caratterizzato da numerosi cambiamenti che hanno migliorato prestazioni e consumi.

E' il caso del turbocompressore di nuova generazione raffreddato ad acqua con geometria variabile è più efficiente e fornisce una risposta migliorata quando variano i giri del motore. Anche i condotti di aspirazione sono stati ridisegnati, mentre il rapporto di compressione è cambiato passando a 16,0: 1, da 16,5: 1, il che aiuta a ridurre le emissioni di scarico, in particolare gli NOx. Gli ugelli dell'iniezione diretta Common Rail sono stati riprogettati per funzionare ad alta pressione (2.000 bar) e la geometria della camera di combustione è stata ottimizzata in funzione di un migliore rendimento. Modifiche anche aI pistoni - ridisegnati e ottenuti da lega di alluminio - che utilizzano fasce elastiche più sottili e soluzioni per ridurre l'attrito. A livello di riduzione delle emissioni, da segnalare l'introduzione di un doppio sistema di ricircolo dei gas di scarico (EGR alta e bassa pressione) che è una novità per un motore diesel omologato in Nord America. L'aggiunta di gas di scarico più freddi e a bassa pressione contribuisce in modo significativo al miglioramento del consumo di carburante e alla riduzione degli ossidi di azoto NOx. A sua volta il sistema di riduzione catalitica selettiva (SCR) è più grande del 50% e incorpora un catalizzatore di ossidazione diesel di nuova generazione con il sistema Diesel Exhaust Fluid.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA