Da strapazzare off-road, nuova BMW X4 ti coccola su strada

Con il Diesel da 190 Cv è buon compromesso fra sport e consumi

Redazione ANSA

RIMINI - Comprare un raffinato Suv da oltre 50mila euro e portarlo su una pista da 'flat track' per farci dei controsterzi e infangarlo sino al tetto non è affatto una pazzia se la macchina in questione è la nuova BMW X4. Raffinata e stilosa, la nuova generazione del coupé a cinque porte a ruote alte del Costruttore di Monaco non sfigura nelle serate mondane, da guidare è piacevolmente sicura e sa coccolare i passeggeri con il suo comfort ma se viene buttata sullo sterrato fa stampare il sorriso in faccia al fortunato al volante. Derapate controllate, pendoli e quant'altro, a una 20d Xdrive non è stato risparmiato nulla sul circuito off-road di Misano Adriatico e la risposta è stata sempre docile e sincera, con il muso pronto a chiudere la traiettoria della curva in fase di rilascio del gas e il differenziale centrale lesto a lavorare per ripartire la coppia fra i due assi. Per divertirsi così basta il modello 20d, equipaggiato con il turbodiesel quattro cilindri di 2,0 litri da 190 Cv (in listino da 55.650 euro), motore d'ingresso della gamma insieme al benzina 'entry level' da 184 Cv (da 53.850).

Una versione che su strada appare briosa ma non sportiva nelle guida quanto la grinta stilistica del modello suggerirebbe ma che, alla fine, si apprezza perché propone un buon compromesso fra prestazioni (0-100 km/h in 8 secondi netti) e consumi (5,4 litri/100 km il dichiarato nel ciclo misto). Per ottenere di più bisogna optare per uno degli altri più esuberanti motori del line-up (231, 252 o 354 Cv), a quel punto oltre che appagare su strada il Suv della Casa dell'Elica può anche regalare qualche soddisfazione in pista. Con alle spalle 200mila unità vendute nel mondo dal 2014 a oggi, la rinnovata X4 è pronta a proseguire un cammino di successo, forte di una migliorata risposta di guida, di sistemi per la sicurezza di marcia di ultima generazione e della conosciuta qualità del Marchio per assemblaggi e finiture.

Prodotta negli Stati Uniti, a Spartanburg, porta al debutto due nuovi modelli di vertice BMW M Performance, in attesa delle due future ammiraglie della sportività X4 M (un benzina e un Diesel), attese per il prossimo anno. Più lunga di 81 mm rispetto alla vettura che sostituisce, la nuova misura 4.752 mm, vanta un passo cresciuto di 54 mm (2.864 mm), è più larga di 37 millimetri (1.918 mm) ed è leggermente più bassa. Proporzioni hanno permesso ai designer di modificarne la silhouette, rendendola più filante, anche a vantaggio del coefficiente di penetrazione aerodinamica (Cx), sceso del 10% sino a 0,30. Più spaziosa a bordo, conferma rispetto al passato il solo neo del lunotto piccolo e inclinato, che crea problemi di visibilità al posteriore, risolti in manovra con le telecamere di parcheggio. Ricca di dispositivi elettronici di ultima generazione per la sicurezza e per l'intrattenimento, si guida in relax e anche chi siede dietro viaggia un gran bene. Disponibile esclusivamente con la trazione integrale, la nuova X4 è già in vendita in Italia, con un prezzo di partenza, appunto, di 53.850 euro per la xDrive 20i da 184 Cv e una richiesta di vertice che al momento si attesta sui 77.250 euro della xDrive M40i da 354 Cv.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA