C'è anche un maxi suv 7 posti nel futuro della 'nuova' Opel

Fa parte del programma di distacco dal legame tecnico con GM

Redazione ANSA

ROMA - Il numero uno di Opel, Michael Lohscheller, ha approfittato della conferenza cui cui ieri è stato presentato il piano di rilancio messo a punto con la nuova proprietà (il gruppo francese PSA) per anticipare uno dei futuri modelli su base EMP2. Partendo da questa piattaforma che è utilizzata da numerosi modelli Peugeot, Citroen e DS, Opel ha in programma di aggiungere un quarto suv della gamma 'X', accanto a Mokka X, Crossland X e Grandland X. Di questo nuovo modello - di cui non si conosce il nome ma solo la tipologia, 7 posti e quindi di taglia grande - Opel ha anticipato un bozzetto, che rimanda alla identità di marca delle sue ultime auto ma con una particolare attenzione agli aspetti aerodinamici, fondamentali anche in funzione della riduzione delle emissioni a cui sono chiamati per i prossimi anni tutti i costruttori. Il maxi-suv Opel, con le sue tre file di sedili, andrà a rimpiazzare l'attuale monovolume Zafira, auto che uscirà di produzione a partire dalla fine del decennio proprio quando il nuovo modello svelato ieri inizierà ad essere prodotto a Ruesselsheim. Questa road map - che prevede anche il lancio del successore di Mokka X nel 2019 e la sostituzione dell'attuale Insignia - è fermamente sostenuta dal Ceo di PSA Carlos Tavares che vuole accelerare il 'distacco' di Opel da General Motors visto che tutti questi modelli sono costruiti su basi meccaniche la cui proprietà intellettuale (e in alcuni casi anche industriale) è ancora del colosso di Detroit. Del nuovo suv sette posti anticipato ieri, e che dovrebbe essere una evoluzione in chiave Opel del Peugeot 5008 compresa la variante ibrida plug-in, verrà presentato un concept per la verifica delle soluzioni stilistiche già nel primo trimestre del prossimo anno, probabilmente al Salone di Ginevra.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA