Trazione integrale e scelta tra due motori, ecco Volvo XC40

Al via le vendite in Italia, in seguito sarà anche 2WD e ibrido

Damiano Bolognini Cobianchi MILANO

MILANO - Hi-tech, stiloso e con una dotazione di sicurezza di alto livello, Volvo XC40 ha le carte in regola per ambire a conquistare quote nel mercato dei Suv compatti ''premium''. Lungo 4.425 mm, largo 1.863 mm, con un passo di 2.702 mm, vanta un abitacolo spazioso in relazione alle sue dimensioni esterne, come è stato possibile verificare nella presentazione in forma statica del modello, avvenuta nel capoluogo lombardo, ai piedi dello scenografico 'skyline' di Porta Nuova. In produzione dal prossimo novembre nell'impianto belga di Gand, è già ordinabile in Italia. La gamma di lancio prevede due allestimenti e due motori Drive-e a quattro cilindri, entrambi abbinati alla trazione integrale e a un cambio automatico a 8 rapporti. Il Diesel D4 da 190 Cv è proposto a 44.540 euro nel livello Momentum e a 46.520 euro nel più sportivo R-Design. Il benzina T5 da 247 Cv è offerto rispettivamente a 45.340 e 47.320 euro. Dal 23 ottobre il listino si allargherà verso il basso con l'arrivo di un 3 cilindri a gasolio D3 da 150 Cv abbinato alla trazione anteriore (da 33.000 euro). Dalla primavera 2018 sarà disponibile il benzina T3 da 150 Cv, sempre 2WD (da 31.000 euro). Per l'annunciata variante ibrida plug-in bisognerà attendere il 2019. La XC40 è la prima vettura del gruppo che nasce sulla piattaforma modulare CMA sviluppata con i cinesi di Geely Group, su cui verranno progettate anche le future berlina e la wagon della Serie 40. I dispositivi di sicurezza e di assistenza alla guida di questo ''suvvino'' derivano dai modelli di dimensioni maggiori e, tra gli altri, includono il sistema di guida semi-autonoma Pilot Assist, la frenata automatica City Safety e il Run-off Road Protection & Mitigation, a tutela degli occupanti in caso di uscite di carreggiata.

Il reveal del terzo sport utility del brand, dopo il maxi XC90 e il medio XC60, è stata l'occasione per introdurre il programma 'Care by Volvo', che pagando un abbonamento mensile a canone fisso di 699 euro permette di guidare per due anni proprio XC40. La tariffa comprende assicurazione, bollo e vari servizi, come il ritiro e la riconsegna della vettura al domicilio per il rifornimento di carburante, il lavaggio del veicolo, la macchina sostitutiva per i tagliandi di manutenzione. In più, ci sono quattordici giorni l'anno di utilizzo gratuito di una seconda Volvo, di qualunque modello, ovunque nello Stivale, 'spendibili' anche con frazionamenti quotidiani. Per presentare alla stampa il nuovo modello, la Filiale della Casa scandinava ha scelto, appunto, il cuore della Milano dei grattacieli, in zona Porta Garibaldi, dove da luglio ha aperto il primo Volvo Studio del mondo, un locale che punta a coinvolgere in una maniera originale la possibile clientela.

Michele Crisci, presidente di Volvo Car Italia, al riguardo sottolinea: ''non è una delle tante lounge brandizzate da aperitivo che si trovano in città: è la casa di Volvo, il salotto dove ognuno può sentirsi benvenuto e al centro dell'attenzione''. E la scelta della metropoli meneghina per questa prima apertura, cui seguiranno Tokyo e Stoccolma, è stata ''la logica conseguenza - spiega Crisci - dell'evoluzione che la città ha conosciuto negli ultimi anni: è diventata un esempio dalla valenza internazionale. Ci è sembrato il luogo ideale per raccontare il nostro viaggio verso la mobilità del futuro e l'azzeramento degli incidenti e mostrare il pensiero avanzato e modernista che è di Volvo''.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA