Pagani rispolvera la Zonda e svela una barchetta da sogno

Tecniche innovative e stile unico, per l'auto del patron

Redazione ANSA

ROMA 22 AGO - Torna a sorpresa la Zonda, prima supercar prodotta dalla Pagani, presentata nel lontano 1999 al Salone di Ginevra.

Il Costruttore di San Cesario sul Panaro ne ha svelato a Pebble Beach una nuova interpretazione denominata HP Barchetta. La vettura con carrozzeria scoperta è costruita con tecniche attuali e soluzioni avanzatissime, riprese dai progetti Huayra BC e Huayra Roadster.

L'auto è firmata dal reparto Uno-di-Uno della Pagani, inaugurato per realizzare sui desideri dei clienti degli esemplari unici o delle vetture in serie limitata, con personalizzazioni elevatissime. Primo a essere esaudito è stato lo stesso patron dell'azienda che ha creato questa Barchetta con sue iniziali nel nome secondo i propri gusti e sogni, liberi dai vincoli usuali legati alla produzione.

La macchina mostra lo stato dell'arte delle conoscenze della Casa emiliana e dei suoi partner: peso contenuto in 1.250 kg, motore aspirato V12 firmato Mercedes-AMG, cambio manuale a 6 rapporti, impianto frenante con dischi carboceramici della Brembo, pneumatici Pirelli P Zero Corsa da 20'' all'anteriore e da 21'' al posteriore, la Zonda HP Barchetta sfoggia una sinuosa carrozzeria in Carbo-Triax HP52, un materiale innovativo sviluppato dalla stessa Pagani, ancora più leggero e resistente del carbotitanio utilizzato in passato. L'abitacolo, rivestito in pelle e tessuto tartan, è un tributo alle corse, agli idoli dello stesso Horacio Pagani, a cominciare dal grande Juan Manuel Fangio. Particolari le due poltrone, riprese da quelle montate sull'avanzatissima Huayra BC.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: