Crossland X, la risposta Opel all'evoluzione del mercato

Modello di segmento B spazioso come un mpv e funzionale come un suv

di Andrea Silvuni JESOLO

JESOLO - Frutto di un rapporto di collaborazione tra le due realtà automobilistiche nato molto prima dell'attuale progetto di unione tra Opel e PSA, il nuovo Cuv Crossland X si appresta a sbarcare in Italia come primo elemento della 'rivoluzione' che muterà nei prossimi anni l'offerta Opel e, in particolare, quella dei modelli più vicini alle nuove esigenze del mercato. Questo inedito Crossover Utility Vehicle di segmento B, va infatti a sostituire l'ultima generazione della Meriva - per intenderci la monovolume con le porte che si aprivano a libro - aggiungendo alla grande spaziosità interna, alla possibilità di far scorrere i sedili posteriori e all'ampiezza del bagagliaio (da 410 a 1255 litri di volume utile) quell'aspetto da suv e quella posizione di guida rialzata che sembrano essere caratteristiche imprescindibili per avere oggi successo nel mercato e restare sulla cresta dell'onda che fa dei suv e dei crossover l'arma vincente delle Case costruttrici. Pensato proprio in chiave di 'allargamento' dell'offerta Opel in questi ambiti, Crossland X non va assolutamente a competere con Mokka X che, per design, conformazione e caratteristiche meccaniche (tra cui la disponibilità delle quattro ruote motrici che non sono invece presenti nel nuovo Cuv) è indiscutibilmente un B-Suv.

Basato su elementi strutturali e meccanici di provenienza PSA - con una parentela stretta che lo lega al Peugeot 2008 - Crossland X è, a tutti gli effetti, un vero e ottimo prodotto Opel, con qualità della carrozzeria e della piattaforma che lo collocano tra i crossover di segmento B più interessanti e ben realizzati. Senza allontanarsi dai canoni estetici del mondo della Casa tedesca, con la caratteristica calandra con l'Opel Blitz e le tipiche luci per la marcia diurna a doppia ala, Crossland X si apprezza tanto da fermo (la linea è personale ed elegante, risultando 'tranquillizzante' per chi cerca in un crossover da 4 metri e 21 un mezzo agile anche in città e facile da parcheggiare) quanto in movimento. Come è stato possibile verificare in un interessante percorso nell'entroterra di Venezia, il nuovo Cuv di Opel è infatti silenzioso aerodinamicamente ed esente di vibrazioni, anche su fondi irregolari. La qualità della vita a bordo - merito non solo della struttura molto rigida e dell'efficacia delle sospensioni, ma anche dei sedili che come nelle altre Opel sono certificati da AGR l'associazione degli ortopedici tedeschi - è dunque elevata per un modello di segmento B, rendendolo ideale proprio per quei clienti che cercano una soluzione 'compatta', facile e rilassante da pilotare ma anche spaziosa e funzionale come si richiede quando si affrontano i lunghi viaggi. Dotato di numerosi sistemi di assistenza alla guida, come il Lane Departure Warning, lo Speed Sin Recognition, il Cruise control con limitatore di velocità, l'Allerta incidente con rilevamento pedoni e la Frenata Automatica di Emergenza. Ma ci sono anche la prevenzione dei colpi di sonno Driver Drowsiness System, l'Allerta angolo cieco laterale, la Telecamera posteriore panoramica con visione a 180 gradi e l'Assistente Automatico al Parcheggio.

A livello di motori, già al lancio sono disponibili un benzina 1.2 litri da 81 Cv, un benzina turbo 1.2 a iniezione diretta nelle due tarature da 110 e 130 Cv, a cui si aggiungono le due versione del diesel 1.6 da 99 e 120 Cv, combinabili a seconda delle versioni con cambi manuali a cinque e sei marce, o con una trasmissione automatica a sei rapporti. Disponibile nelle concessionarie da fine giugno - con un porte aperte programmato per presentarlo alla clientela italiana il 10 e 11 di giugno, Crossland X viene proposto al prezzo di lancio da 14.900 euro per la versione Advance - con collegamento OnStar, WiFi e IntelliLink 7 pollici touchscreen che include Apple CarPlay e Android Auto - e con motorizzazione 1.2 benzina 81 Cv.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA