Motorizzazione più semplice con pagamenti PRA PagoPA

Operazioni ora sono tracciabili, limitato il rischio di errori

Redazione ANSA
Operazioni più semplici e tracciabili per i pagamenti relativi alle pratiche del Pubblico Registro Automobilistico (PRA) da presentare in Motorizzazione. Da oggi, 16 ottobre, prende il via la possibilità di effettuare i versamenti online e di utilizzare il sistema PagoPA per versare gli importi dovuti per le formalità dello Sportello Telematico dell'Automobilista (STA) presentate agli Sportelli degli Uffici Motorizzazione. Il sistema pagoPA, permette di associare il pagamento di ogni utente alla singola formalità presentata, impossibile per i versamenti di bollettini postali su modello libero. La piattaforma tecnologica messa a disposizione dall'Agenzia per l'Italia Digitale, garantisce pagamenti direttamente sul sito o sull'app dell'Ente o attraverso i canali (online e fisici) di banche e altri Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) come le agenzie bancarie, l'home banking, gli sportelli bancomat abilitati, i punti vendita di Sisal, Lottomatica e Banca 5 e gli Uffici Postali. E' inoltre possibile il versamento tramite il sito www.aci.it sezione "Servizi on-line" box "Pagamento formalità PRA da presentare presso Uffici Motorizzazione Civile".

L'evoluzione tecnologica, chiariscono dall'Automobil Club "comporta significative semplificazioni operative anche agli Uffici periferici PRA che, nel convalidare la formalità (o, nei casi residuali, accettando formalità corredate dall'Attestazione di Versamento perché non più presentate all'Ufficio Motorizzazione), non dovranno più riscontrare l'esistenza del versamento attraverso i sistemi web di Poste Italiane perché il controllo verrà effettuato automaticamente dal sistema". Per quanto riguarda, invece, gli Uffici Motorizzazione "non cambia niente in quanto, anziché verificare la congruità dell'importo e la presenza della matrice del bollettino postale tra la documentazione presentata allo Sportello (che il giorno dopo dovrà essere consegnata all'omologo Ufficio PRA), dovranno verificare l'importo dalla 'Attestazione di versamento' rilasciata dal sistema di pagamento".

L'evoluzione tecnologica è stata realizzata nell'ambito delle progressive ottimizzazioni delle procedure digitali, propedeutiche all'entrata in vigore del Documento Unico. "Tale modalità di pagamento - concludono dall'ACI - viene attivata per i versamenti di competenza PRA (IPT, emolumenti ed imposta di bollo) da parte degli utenti (privati, operatori professionali e studi di consulenza automobilistica non STA), che presentano le formalità STA agli Sportelli degli Uffici Motorizzazione. Al riguardo si conferma che, dal 10 ottobre è stato chiuso il conto corrente postale n. 25202003 utilizzato per i sopra indicati versamenti".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA