Asti-Cuneo, via libera del Cipe

Governatore Piemonte, lavori ripartono, opera attesa 30 anni

Redazione ANSA TORINO

 "Dal Cipe via libera all'Asti-Cuneo: questa è una giornata storica. Ora possono finalmente ripartire i cantieri per completare un'opera che il nostro territorio aspetta da 30 anni". Lo annuncia su Facebook il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio.
    Prima della riunione del Cipe, il ministro Toninelli aveva annunciato lo sblocco dell'opera, "finalmente dopo 12 anni di fermo, con un grandissimo risparmio rispetto al modello di Delrio".

"Passaggio importantissimo e fondamentale, atteso per troppo tempo. Una vittoria di tutta la provincia. La delibera di oggi al Cipe mette la parola fine alle incertezze degli ultimi 7 anni sul completamento dell'autostrada Cuneo-Asti: questa è una giornata importante per tutto il territorio". Così Federico Borgna, sindaco di Cuneo e presidente della Provincia, dopo il via libera del Cipe al nuovo piano finanziario per l'A33 Asti-Cuneo. Ora potranno aprirsi i cantieri tra Alba e Verduno (dove i progetti sono definitivi e i terreni già espropriati) e completare il viadotto interrotto tra Cherasco e Verduno. Lo scorso marzo, dopo un sopralluogo in provincia di Cuneo, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro ai Trasporti Danilo Toninelli avevano annunciato la ripresa dei lavori "entro l'estate".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie