Geely - Aston Martin, forse cinesi le super sportive di 007

Trattative facilitate da 'intreccio' aziende tramite Mercedes

Redazione ANSA ROMA

Potrebbe essere la cinese Geely, che già possiede Volvo, Lotus e una quota del 50% nella 'nuova' Smart - società appena costituita con Mercedes - il nuovo azionista di riferimento della Aston Martin. Secondo quanto riporta il quotidiano Financial Times, Geely sarebbe in una fase avanzata delle trattative per acquisire il controllo della Casa di Gaydon e questa operazione non dovrebbe precludere quanto anticipato nei giorni scorsi, cioè l'ingresso in Aston Martin del magnate della moda Stroll, che si era dichiarato disposto ad investire 200 milioni di sterline, cioè 233 milioni di euro. L'operazione prospettata da Geely - secondo i media - è credibile non solo in funzione delle dimensioni del Gruppo (2,19 milioni di veicoli venduti nel 2019) ma anche per l'esistenza di un 'intreccio' che vede l'azienda cinese già presente in Daimler con il 9,69% di quota, e di conseguenza già proprietaria per la parte del 4,18% che il Gruppo tedesco possiede di Aston Martin. Attualmente con il 36,5% il controllo del brand britannico, celebre per fornire le auto a 007 James Bond, è nelle mani del Gruppo Adeem Primewagon con sede in Kuwait, seguito dal 30,97,% della italiana Investindustrial della famiglia Bonomi. Il Gruppo Geely, oltre ai marchi già citati, possiede la tailandese Proton, la londinese LEVC (che costruisce i celebri taxi inglesi), la Lynk & Co e diverse altre aziende in Cina e in altre parti del mondo. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA