Ferrari rialza stime 2019, più moda e intrattenimento

Le vetture consegnate hanno raggiunto le 2.474 unità, con un incremento del +9,4% rispetto all'anno precedente

Amalia Angotti

La Ferrari si consola della stagione sportiva con risultati del terzo trimestre migliori delle attese, che consentono di rialzare le stime del 2019, e annuncia una maggiore diversificazione che poggerà su tre pilastri: prodotti di abbigliamento con "il Dna Ferrari" per gli amanti del marchio, grazie anche alla partnership con Giorgio Armani; divertimento per i giovani e i tifosi; servizi esclusivi per i proprietari di auto del Cavallino. Nasceranno più parchi tematici, come quelli di Barcellona e Abu Dhabi, mentre i prodotti a marchio Ferrari, che - spiega l'amministratore delegato Luis Camilleri - hanno un valore stimato intorno agli 800 milioni di euro, è previsto un taglio del 30% con un dimezzamento delle licenze. Saranno quindi di meno, ma più esclusivi e made in Italy. A Maranello aprirà un ristorante con lo chef stellato Michelin Massimo Bottura.

"Questa diversificazione determinerà il 10% della redditività in 7-10 anni", sottolinea Camilleri. Il titolo vola in Borsa e chiude a 153,85 euro in crescita del 6,5%. I conti del trimestre della Rossa presentano un utile netto di 169 milioni di euro, in calo del 41% inferiore alle attese, l'ebit adjusted di 227 milioni (+11,7% a cambi correnti o +4,4% a cambi costanti), mentre i ricavi netti sono pari a 915 milioni di euro, in crescita del 9,2%. Le vetture consegnate hanno raggiunto le 2.474 unità, con un incremento del +9,4% rispetto all'anno precedente (212 in più). Risultati che permettono La Ferrari di rivedere al rialzo i target del 2019: ricavi netti a 3,7 miliardi di euro (la stima precedente era 3,5 miliardi), ebitda adjusted a 1,27 miliardi (tra 1,2 e 1,25 miliardi), ebit adjusted 0,92 miliardi (0,85-0,9), free cash flow industriale superiore a 0,6 miliardi (maggiore di 0,55) "E' stato un altro trimestre forte, anche se abbiamo dovuto fronteggiare venti contrari. Gli ordini restano alti. Il rialzo delle guidance dimostra il buon momento del nostro core business", spiega Camilleri. "Il trimestre - sottolinea - è stato caratterizzato da continui investimenti per migliorare la nostra capacità di innovare e quindi sostenere il nostro vantaggio competitivo e il potere dei prezzi per i prossimi anni.

Oltre ai numeri, è stato un periodo entusiasmante su molti fronti", aggiunge l'amministratore delegato della Rossa, che ricorda l'evento L'Universo Ferrari, che si è tenuto a Maranello a settembre e ha attirato 14 mila clienti e potenziali clienti selezionati, media, fan e dipendenti. "Era la prima volta che mettevamo in mostra - sottolinea - tutto ciò che la Ferrari rappresenta e lo definirei un evento assolutamente eccezionale sotto tutti gli aspetti". La Ferrari ha presentato quattro nuovi modelli e presenterà il quinto a Roma la prossima settimana. "Siamo molto eccitati per questo nuovo modello", ha spiegato. Camilleri definisce quello con Armani "un accordo a lungo termine con il quale vogliamo alzare gli standard di tutti nostri prodotti e concentrarci sul Made in Italy".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA