Nokian Heavy Tyres acquisisce la Levypyörä Oy

Ampliato business fornitura ruote mezzi pesanti

Redazione ANSA ROMA

Con l'acquisizione della finlandese Levypyora Oy, la Nokian Heavy Tyres, multinazionale scandinava produttrice principalmente di pneumatici, amplia il proprio business nella fornitura di ruote per mezzi pesanti. L'azienda di Nastola entrata nel gruppo di Nokia, infatti, dispone di due linee di realizzazione di ruote e strutture in acciaio ed è fornitrice nel settore dei mezzi pesanti di diversi clienti, sia di primo equipaggiamento sia di after market, in particolare di realtà specializzate nelle applicazioni forestali, agricole e di movimento terra. Fondata nel 1955, in precedenza parte della Weckman Steel Corporation, la Levypyora Oy ha un fatturato annuo di 18 milioni di euro, impiega un centinaio di persone e si distingue per una produzione e per ricerche particolarmente orientate verso soluzioni eco-compatibili che non richiedono l'utilizzo di solventi nella verniciatura. "Essere parte di un produttore leader di pneumatici specializzati - ha sottolineato Lars Ojansuu, amministratore delegato della Levypyora -, ci dà una grande opportunità per crescere ulteriormente e sviluppare i prodotti e i servizi a livello globale, rafforzando le nostre attuali relazioni con clienti e fornitori".

Il gruppo finlandese Nokian Tyres, di cui la sezione 'Heavy' fa parte, al momento impiega 4.800 persone nel mondo, è quotata in borsa al Nasdaq di Helsinki e nel 2018 ha realizzato un fatturato netto di 1,6 miliardi di euro.

Nell'annunciare l'operazione, Manu Salmi, managing director di Nokian Heavy Tyres, ha sottolineato: "Con l'acquisizione, possiamo offrire nuove soluzioni innovative ai clienti attuali e aumentare il volume delle ruote, oltre a migliorare ulteriormente il livello di servizio. Levypyora è da molti anni nostro partner di fiducia. L'operazione offre ulteriori opportunità di crescita e garantisce una soluzione completa per i nostri principali clienti di primo equipaggiamento e di after-market". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA