'Dieselgate, nuovi dispositivi 'inammissibili' in Volkswagen'

Handelsblatt: Ente federale giudica non leciti anche altri tipi

Redazione ANSA

Una nuova e gigantesca ondata di denunce potrebbe investire il gruppo VW se quanto reso noto da Handelsblatt oggi dovesse essere confermato. Il dipartimento investigativo del prestigioso quotidiano economico ha rivelato che l'Ente federale dei trasporti tedesco avrebbe emesso - ma senza renderle pubbliche - una serie di valutazioni di inammissibilità su un certo numero di dispositivi di emissioni di gas di scarico montati su motori Volkswagen, Porsche e Audi. Queste valutazioni della Motorizzazione tedesca, di cui il quotidiano ha preso visione, sarebbero state tenute nascoste all'opinione pubblica con la giustificazione del segreto aziendale tra l'autorità di controllo e le case produttrici. In realtà, secondo il quotidiano economico, la pubblicazione di questi documenti potrebbe mettere nelle mani dei querelanti che intentano una causa contro i colossi dell'auto delle armi micidiali per vincere in tribunale. E la vicenda giudiziaria del tribunale superiore di Coblenza lo scorso giugno sul motore EA 189 da 2 litri di Volkswagen ne è una prova: in quel caso il giudice ha condannato VW e ha riconosciuto come inammissibile il dispositivo montato sul motore Volkswagen proprio in base alla valutazione dell'Ente federale dei trasporti tedesco. "Secondo la decisione finale dell'Autorità Federale dei Trasporti, il motore EA 189 è dotato di un dispositivo di arresto inammissibile" è scritto nella motivazione della sentenza. Cosa accadrebbe se valutazioni simili di inammissibilità da parte del Bka (l'ente tedesco) si estendessero a un numero molto elevato di motori? E' probabile che la reazione a catena di cause giudiziarie sarebbe difficile da frenare. Secondo Handelsblatt questi documenti del Bka riguardano oltre al già noto motore EA 189 da 2 litri di Volkswagen anche i motori nelle versione da 3 e 4,2 litri; i grandi motori Euro 6 da tre litri costruiti da Audi per i motori A4, A5, A6, A7 e A8; i motori installati sui SUV Audi Q5 e Q7, oltre che sui modelli VW Touareg e Porsche Cayenne e Macan. Ci sarebbero valutazioni del Bka anche per l'Audi A8 e la Porsche Cayenne con motore da 4,2 litri. Il gruppo Volkswagen ha fatto ricorso contro la sentenza di Coblenza e sostiene che il dispositivo "utilizzato al di fuori degli Stati Uniti e del Canada in veicoli con motori diesel EA 189 non è un dispositivo di spegnimento inammissibile secondo la legge europea" ha detto un portavoce di VW.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA