Seat, record vendite primo semestre, bene anche Cupra

Spinta dei mercati chiave Spagna, GB e Francia

Redazione ANSA ROMA

Seat chiude la prima metà del 2019 registrando un record assoluto delle sue vendite. Le consegne globali della casa automobilistica di Barcellona sono aumentate dell'8,4%, attestandosi a 314.300 vetture. Per la prima volta, la casa di Martorell ha venduto più di 300.000 veicoli nei primi sei mesi dell'anno e supera il record stabilito nello stesso periodo del 2018 (289.900).

Nel mese di giugno, le vendite del marchio sono cresciute di oltre il 10% per il secondo mese consecutivo. Con 57.300 unità vendute in tutto il mondo, il marchio ha registrato una crescita dell'11,5% rispetto a giugno 2018. Questa cifra rappresenta il miglior mese di giugno nella storia di Seat, migliorando così il precedente risultato raggiunto l'anno scorso con 51.400 vetture.

Anche le consegne del marchio Cupra segnano un primo semestre record. A oggi, Cupra ha venduto 12.700 auto, + 73,1% rispetto allo stesso periodo del 2018.

Da gennaio a giugno, le vendite globali di Seat sono aumentate grazie al contributo e le performance dei mercati chiave per il marchio. Con 66.500 unità (+16,2%), la Germania guida le consegne del brand, raggiungendo il miglior primo semestre di sempre. Il marchio cresce anche in Spagna (64.200 unità, +3,2%), mantenendo il primato di marchio più venduto del Paese, con Leon che si riconferma inoltre il modello più venduto. Nel Regno Unito, Seat ha chiuso con il più alto volume di vendite di sempre nella prima metà dell'anno (37.700 unità e +5,1%), così come la Francia (18.500 unità, +17,1%), che ha registrato il miglior primo semestre dal 2011.

In Italia, nel mese di giugno il brand del gruppo Vw ha totalizzato 2.256 unità immatricolate, +12,4% rispetto allo stesso mese del 2018. Il marchio segna così un totale di 14.700 unità immatricolate nel periodo gennaio-giugno, ossia +17% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (12.564 unità), in un mercato ancora interessato da una flessione del 3,5%.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA