Gruppo Vw: Ulbrich, entro 2028 70 modelli elettrici per tutti

Casa tedesca punta su prezzi competitivi e ricarica veloce

Redazione ANSA ROMA

La mobilità del futuro, per Volkswagen, passa per l'elettrico. Entro il 2028 il gruppo di Wolfsburg sfornerà 70 nuovi modelli completamente elettrici con una previsione di 22 milioni di veicoli prodotti. A fare il punto del viaggio di Volkswagen nell'era della mobilità elettrica è stato Thomas Ulbrich, membro del consiglio di amministrazione e responsabile per la e-mobility del gruppo tedesco, durante un incontro con i giornalisti al quale era presente anche Massimo Nordio, Amministratore Delegato di Volkswagen Group Italia, il quale ha affermato che nel prossimo futuro il Gruppo Volkswagen sarà in grado di fornire la vettura elettrica per tutti. ''E' questa proprio la parola d'ordine - ha detto Ulbrich - 'electric for all', e cioè elettrico per tutti a prezzi competitivi. E il lancio dell'ID Volkswagen alla fine del 2019 segna l'inizio di una nuova era, una strada possibile per tutti. Renderemo le auto elettriche popolari e cercheremo di attrarre più persone possibili. In futuro sarà disponibile anche un'auto elettrica il cui prezzo base partirà dai 18 mila euro''. 

Chiave di successo sarà la piattaforma MEB che - ha spiegato Ulbrich - ''è uno dei progetti più importanti nella storia della casa tedesca, una pietra miliare tecnologica simile al passaggio dal Maggiolino alla Golf''. Dalla piattaforma MEB, infatti, nasceranno tutti i modelli del futuro del gruppo che racchiude, oltre a Volkswagen, anche Audi, Skoda e Seat. La piattaforma MEB ha due caratteristiche principali. La prima è che si tratta di un'architettura nata esclusivamente per l'elettrico e non mutuata dal passato estremamente flessibile e che consente di progettare una vasta gamma di auto con differenti tipi di carrozzerie e di interni.

La seconda è che tutta la famiglia ID è stata progettata per la ricarica rapida. Attraverso questa tecnologia, infatti, è possibile ricaricare la batteria dell'80% in appena 30 minuti. Tutto grazie ad un nuovo design modulare per le batterie e alla struttura multi-cella che consente di utilizzarle in differenti tipologie di vetture. Nel complesso si tratta di un progetto ambizioso nel quale il gruppo Volkswagen investirà, entro il 2023, 30 miliardi di euro completamente autofinanziati e vedrà coinvolti 8 stabilimenti in varie parti della Terra: 4 in Germania (Emdem, Hannover, Zwickau e Dresda), due in Cina (Anting e Foshan) e uno rispettivamente negli Usa (Chattanooga) e nella Repubblica Ceca (Mladá Boleslav).

Ulbrich ha anche spiegato che la Volkswagen, prima casa automobilistica al mondo, con questo progetto si è concentrata sull'obiettivo di evitare o ridurre al massimo le emissioni di CO2. "Il cambiamento climatico è la più grande sfida dei nostri tempi - ha detto Ulbrich - e Volkswagen se ne sta assumendo la responsabilità e le nuove vetture elettriche del gruppo saranno le prime auto elettriche neutrali sul clima durante il loro intero ciclo di vita". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA