Case giapponesi si alleano per sviluppare elettromobilità

Siglata partnership EV C.A. Spirit tra Toyota, Mazda e Denso

Redazione ANSA ROMA

ROMA - I giapponesi della Toyota, della Mazda e della Denso hanno annunciato una partnership dedicata allo sviluppo di soluzioni per l'elettromobilità e alla realizzazione di modelli a zero emissioni. I due costruttori automobilistici e l'azienda specializzata nella fornitura di componentistica, metteranno in comune capitali e conoscenze nella nuova società EV C.A. Spirit Corporation. Di questa realtà il 90% delle quote è ad appannaggio della Casa delle Tre Ellissi mentre il restante 10% è equamente diviso fra Mazda e Denso.

Nella nota che ha dato notizia dell'accordo, viene chiarito che l'obiettivo è ''sviluppare insieme le tecnologie strutturali di base per i veicoli elettrici'', utilizzando ''ingegneri provenienti delle tre società per garantire l'implementazione di progetti di sviluppo tecnologico congiunti''.

Viene, inoltre, sottolineato come nell'attuale scenario, in cui le elettriche non hanno ancora raggiunto un elevato livello di diffusione, per il lancio di nuovi modelli che diano una risposta rapida alle mutevoli richieste dei vari mercati servono ingenti investimenti e tempi di sviluppo molto brevi. La EV C.A.

Spirit rappresenta la soluzione a queste necessità: si occuperà di progettare dalle microcar alle berline, dai Suv ai commerciali. L'accordo, che interesserà un ampio ventaglio di modelli, punta a innovare il processo di sviluppo "unendo i punti di forza di ogni singola azienda, includendo la pianificazione dei prodotti in dotazione di Mazda e le sue competenze nello sviluppo di modelli computerizzati, le tecnologie elettroniche di Denso e la piattaforma di Toyota New Global Architecture (TNGA)''.

A capo della società che ha sede nella cittadina nipponica di Nagoya, vanta un capitale sociale di 10 milioni di yen (poco più di 75.000 euro) e avrà 40 dipendenti, è stato messo Shigeki Terashi. Le linee guida di lavoro prevedono oltre allo studio di architetture comuni e di nuovi modelli, con caratteristiche distinte per le proposte delle due Case, anche la creazione di una struttura aziendale per la realizzazione di progetti con altri produttori automobilistici.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA