Cityscoot a Roma: presto saranno 500 gli scooter in città

Raggi, ampliamo rete mezzi ecosostenibili in città

Redazione ANSA ROMA

Cityscoot, start-up francese di scooter sharing a flusso libero ed emissioni zero, annuncia che il servizio nella città di Roma diventa effettivo con 200 scooter che presto diventeranno 500 e, nei prossimi mesi, 1000.
    Dopo una fase iniziale di test, infatti, il servizio diventa a pagamento e viene esteso alle aree di Re di Roma, Circo Massimo e Ponte Milvio, oltre alla zona del centro. Cityscoot, già presente a Parigi, Nizza e Milano, è arrivato a Roma nel mese di maggio. "Un nuovo servizio di scooter sharing elettrico a disposizione della città. Ampliamo la rete di mezzi completamente eco-sostenibili grazie all'ingresso di nuovi operatori. Roma si dimostra ancora una volta polo attrattivo per le imprese che vogliono investire sul territorio. La mobilità elettrica e condivisa rappresenta il futuro delle nostre città.
    È una sfida che come Roma Capitale abbiamo deciso di accogliere.
    Con Cityscoot stiamo arricchendo l'offerta di mezzi agili, veloci ed ecologici per cittadini e turisti. È un servizio che ha già ottenuto un ottimo riscontro da parte degli utenti e guardiamo con favore a una sua espansione su tutto il territorio capitolino", ha dichiarato la sindaca di Roma, Virginia Raggi.
    "La sharing mobility è ormai una realtà affermata nella nostra città, un servizio in costante crescita che siamo felici di ampliare", le ha fatto eco l'assessore ai Trasporti Linda Meleo.
    Per Gianni Galluccio, General Manager di Cityscoot Italia, "il futuro della mobilità urbana non puo' che essere a "0 emissioni" e "0 rumore" e crediamo che questo rappresenti un enorme valore per una città come Roma, in cui il traffico è un tema molto complesso. Intendiamo collaborare fattivamente con l'amministrazione comunale".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA