Aperte prenotazioni per incentivi trasformazione a gas veicoli

Fondi limitati, sperimentazione con commerciali diesel

Redazione ANSA

ROMA - Tornano gli incentivi ICBI (Iniziativa carburanti a basso impatto) per la trasformazione a gas (gpl o metano) di auto e veicoli commerciali. Non è una campagna nazionale ma è limitata ai comuni che vi aderiscono. Ne dà notizia il Consorzio Ecogas che conferma l'apertura sul proprio sito www.ecogas.it delle prenotazioni per ottenere il contributo. I fondi sono limitati ed è prevedibile che si esauriranno in poco tempo.

L'agevolazione che copre circa un terzo dei costi della trasformazione, varia da 500 a 1.000 euro, a seconda del tipo di impianto montato. Tra le novità, annunciati test sperimentali sulle emissioni reali prodotte dai commerciali Diesel ''dual fuel'' trasformati tramite l'iniziativa. Il contributo, infatti, può essere utilizzato per installare impianti a Gpl o a metano, sia su auto a benzina sia su commerciali a benzina o a gasolio. L'elenco del 674 comuni italiani che aderiscono all'iniziativa e i cui residenti possono chiedere i contributi può essere consultato sul sito Internet del consorzio Ecogas. Il cittadino fruisce dell'incentivo tramite uno sconto riportato direttamente in fattura e il Comune provvederà poi a rimborsare le autofficine degli ecoincentivi erogati. Attualmente, chiarisce Ecogas in una nota, ''è stato impiegato circa il 50% del fondo destinato ai cittadini e circa il 6% del fondo destinato ai veicoli commerciali''.

Alla luce della somma limitata a 1.807.500 euro e dei contributi a carico del fondo previsti per i vari impianti, calcolatrice alla mano questo significa la possibilità di trasformare da 5.164 a i 1.807 veicoli. Chi fosse interessato, quindi, è meglio che si affretti se non vuole perdere quest'opportunità. Quattro le fasce previste come contributo. Sono erogati 500 euro, di cui 350 a carico del fondo ICBI e 150 dell'officina richiedente, per ''installazione di impianti GPL su automezzi privati Euro 2-3 alimentati a benzina''. La somma sale a 650 euro, ''500 a carico del fondo ICBI e 150 a carico dell'officina richiedente, per installazione impianti metano su automezzi privati Euro 2-3 alimentati a benzina''. Per i veicoli commerciali Diesel e benzina Euro 2-3-4-5 su cui montare impianti a Gpl il contributo è di 750 euro.

Si arriva a 1.000 euro, il massimo previsto dalla manovra, per l'installazione di impianti a metano sui commerciali a benzina Euro 2-3-4-5 e sui Diesel.

Da sottolineare che su alcuni Diesel trasformati a gas verrà montato un dispositivo portatile di misurazione delle emissioni (PEMS), ''per verificare i valori reali di emissione dei veicoli nelle prove su strada. Il principale inquinante monitorato sarà il Particolato (PM), oltre alle altre sostanze inquinanti previste per le omologazioni. Obiettivo, consentire anche ai veicoli dual fuel la libera circolazione durante i provvedimenti di limitazione alla circolazione''.

In merito agli incentivi, Alessandro Tramontano, presidente del Consorzio Ecogas, ha chiarito: ''Per usufruirne, il cittadino residente in un Comune aderente ad ICBI deve recarsi presso uno degli installatori aderenti all'iniziativa per la trasformazione del veicolo e l'officina, dopo aver verificato che veicolo ed intestatario della Carta di circolazione siano in possesso dei requisiti necessari, prenota via internet il contributo tramite la procedura messa a disposizione sul sito www.ecogas.it''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA