Debutta a Bologna il bike sharing a pedalata assistita

In anteprima europea, da ottobre 300 eBike di Mobike

Redazione ANSA BOLOGNA

Sarà Bologna, in anteprima europea, a sperimentare l'innovativa bicicletta a pedalata assistita: la eBike di Mobike, il gestore del bike sharing del Comune. A ottobre i nuovi mezzi verranno progressivamente posizionati negli stalli previsti in città, con l'obiettivo di arrivare a 300 bici con pedalata assistita entro il 2019. La eBike, presentata questa mattina in piazza Maggiore dal sindaco Virginio Merola, in occasione della settimana della Mobilità sostenibile, ha un motore elettrico che aiuta la pedalata, senza però eliminarla.

"Sono felice che Mobike abbia scelto Bologna come prima città europea per provarle. Un altro tassello della mobilità sostenibile che vogliamo costruire", ha detto Merola. Dotata di Gps e 'connessa' grazie a tecnologie dell'Internet delle cose, la eBike ha un'autonomia di 80-100 chilometri, può arrivare alla velocità di 25 chilometri orari e compensare fino al 95% dello sforzo necessario per pedalare.

Usare la eBike è semplice, per iniziare la corsa è necessaria la nuova versione della Mobike app. L'utente può scegliere il mezzo che preferisce cliccando sull'icona 'Mobike' per il modello tradizionale o su 'E-bike' per la bicicletta a pedalata assistita. A differenza delle classiche Mobike, dove per terminare la corsa viene chiuso manualmente il lucchetto che si trova sul mezzo, le eBike sono dotate di un lucchetto elettronico e la corsa termina tramite app.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA