Non solo auto, a Parigi le due ruote guadagnano spazio

Riflettori su Ducati 1299 Panigale, premiere per BMW C Evolution

Damiano Bolognini Cobianchi

ROMA - Con i brand del lusso che in molti casi hanno dato buca, gli organizzatori del Salone di Parigi potrebbero in futuro pensare alle due ruote per mantenere alti interesse e affluenza della loro rassegna biennale. Il suggerimento nasce spontaneo, osservando le reazioni della gente tra le corsie della kermesse francese: le poche moto presenti attraggono parecchi sguardi e strappano attenzioni alle macchine. La fotografatissima Ducati 1299 Panigale S Anniversary allo stand Audi, la Suzuki GSX R1000 R messa in piega all'installazione della Casa di Hamamatsu per permettere ai visitatori selfie da MotoGP, lo scooter elettrico C Evolution esposto alla BMW come fosse un tender per le altrettanto ecologiche vetture i3 e i8, sono solo alcune delle premiere a due ruote presenti all'edizione 2016 del Mondial de L'automobile (1-16 ottobre), svelate addirittura con qualche giorno di anticipo sulla rassegna tedesca Intermot (5-9 ottobre). Se nella passata edizione le ''intruse'' a due ruote si contavano sulle dita di una mano quest'anno sono decisamente più numerose, sebbene nella maggioranza dei casi siano state mostrate senza particolari enfasi, forse per non rubare le scene alle presentazioni organizzate in pompa magna proprio all'interno della fiera specializzata di Colonia. Per l'esclusiva sportiva da 205 Cv della Casa di Borgo Panigale, solo 500 esemplari per tutto il mondo per celebrare i 90 anni del brand, si trattava comunque della prima presenza a un salone dopo il reveal alla Ducati World Week dello scorso luglio. Per lo scooter BMW C si è stata una prima assoluta. Stesso discorso per la Suzuki GSX R1000 R, esposta alla Ville Lumiere tra le nuove Ignis e Vitara, a pochi metri dal gazebo Yamaha dove è stata mostrata l'edizione 2017 della Ninja H2, una del plotone di anteprime schierate a Intermot. Per i costruttori di auto la presenza di moto è stata giocata in modo ''furbo'' per rendere più attraenti i loro stand, attirare le attenzioni dei giovani e far tornare la voglia agli automobilisti di cavalcare una due ruote. Per gli specializzati Yamaha, Kawasaki, Triumph, KTM e Peugeot Scooters la manifestazione dell'auto è stata presenziata più, forse, per motivi commerciali, con una fila di gazebo all'esterno del padiglione 1 dedicati alla promozione di offerte indirizzate prevalentemente alla clientela francese.

Così Triumph ha esposto varie moto tra cui la Bonneville T120 Black, la Thruxton 1200 R e lo studio Scrambler 900 TFC 2 Concept. Yamaha ha portato in pedana oltre alla Ninja H2 2017 anche la Tracer 700 e la YZF-R1, mostrate insieme al divertentissimo YXZ 1000 R 4x4 EPS Sport Shift, quadriciclo da cross dedicato ai giovani. Peugeot ha colto l'occasione per rilanciare il suo scooter Metropolis e il modaiolo Django. Più godibili e meglio sistemate sono apparse senza dubbio le due ruote negli stand dei Costruttori d'auto. Di fianco al suo scooter elettrico C Evolution, in vendita in Italia a partire da 14.400 euro con 100 km di autonomia e da 15.900 euro con 160 km di autonomia, BMW ha sistemato la nuova R nine T Scrambler e il concept Lac Rose. Tra Civic e Jazz, invece, alla Honda hanno sgomitato il Forza, un agile scooter da città di 125 cc, e il ''ruote alte'' Integra. Insomma, motivi di riflessioni all'acquisto per le due ruote ne sono stati offerti agli automobilisti, se poi son rose... fioriranno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA