Stop a manomissione contachilometri con App Bosch-TUV

Solo in Germania le truffe provocano danni per 6 mld

Redazione ANSA

BERLINO - L'ente di certificazione tedesco TUV Rheinland e il colosso della componentistica e delle mobility solutions Bosch hanno deciso di collaborare per combattere la pratica fraudolenta di manomettere i dati evidenziati dal contachilometri. Lo ha annunciato, a margine della conferenza Bosch Connected World a Berlino, lo stesso amministratore delegato del Gruppo Volkmar Denner. Nella sola Germania queste truffe comportano danni in termini economici per 6 miliardi di euro, e - dunque - a livello europeo il fenomeno assume dimensioni rilevanti.

L'idea è di combattere queste manomissioni con una sorta di 'diario di bordo' digitale allocato nei diversi computer della vettura. Aggiungendo un semplice connettore le auto possono inviare le loro letture del contachilometri e - grazie a una App installata nello smartphone - gli automobilisti hanno la possibilità di controllare in qualsiasi momento il chilometraggio raggiunto e confrontarlo con quello visualizzato nel display del veicolo. Nel caso, poi, che la vettura venga venduta, il sistema Bosch-TUV rilascerà un certificato che attesti con precisione il chilometraggio complessivo. Questo certificato - si legge nella nota di Bosch - potrà anche essere condiviso tramite Internet, come nel caso delle piattaforme online per la vendita di auto di seconda mano.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA