Catene da neve: tipologie e normativa

Approfondimento sulle norme e le tipologie di catene da neve previste in Italia

Redazione ANSA

Cosa sono e cosa si rischia non averle
Le catene neve sono diventate negli ultimi anni un accessorio più che indispensabile, obbligatorio in un determinato periodo dell’anno che va dal 15 novembre (salvo eccezioni) fino al 15 aprile dell’anno successivo e se non le si hanno a bordo durante questo periodo di tempo specialmente nelle strade dove vige questo obbligo la multa va dai 78 ai 318 Euro. C’è chi sceglie l’opzione delle catene da neve in alternativa all’utilizzo delle gomme invernali e spesso si fa questa scelta per un risparmio economico dato che i loro prezzi sono di gran lunga inferiori rispetto ad un treno di gomme termiche.
C’è comunque da sapere che non basta avere a bordo le catene da neve ma bisogna anche saperle montare.


PREZZI ED OMOLOGAZIONE
Ci sono svariate tipologie di catene da neve nel mercato ad oggi e tra tutte quelle presenti c’è da considerare che i loro prezzi variano appunto in relazione che siano con pensionamento manuale o autotensionate ad esempio e dalla robustezza dell’acciaio che le compongono. Si parte quindi da una spesa minima di 30 Euro per le più economiche fino ad un massimo di 150 Euro circa per quelle autotensionate con maglia a rombo, parlando per il settore autovetture, mentre per i camper, furgoni e fuoristrada i prezzi si aggirano attorno ai 60 Euro. La scelta delle catene da neve non è poi così semplice come si immagina poiché bisogna fare particolare attenzione a vedere che siano omologate e che quindi rispondano alle normative vigenti nella comunità europea. Per sapere se un determinato set di catene da neve è omologato o meno c’è da guardare nella confezione che sia riportata la sigla CUNA NC 178-01 oppure ON – V 5117 che indica che quella marca di catene è stata sottoposta dal costruttore agli specifici stress meccanici.


COME MONTARLE
Inoltre le catene da neve presentano un’altra differenza sostanziale. L’adattamento al tipo di vettura che si possiede; bisogna infatti tener conto che l’auto sia a trazione anteriore, posteriore o integrale e dopo questo punto si può procedere con l’acquisto del set di catene da neve. Nella fase di montaggio c’è da sapere, una cosa che quasi tutti danno per scontato, che per le auto con trazione anteriore le catene vanno collocate nelle ruote dell’asse anteriore, per quelle con trazione posteriore nelle ruote dietro e per quelle con trazione 4x4 vanno messe in tutte e quattro le ruote ma se si hanno a disposizione solamente due catene sarebbe meglio installarle sulle ruote posteriori.


TIPOLOGIE SUL MERCATO
Le catene da neve non sono proprio universali tra loro. Ci sono parecchie differenze anche nella loro qualità e nei loro materiali adoperati poiché ce ne sono alcune concepite in acciaio e con disegno a rombo, altre performanti che garantiscono una trazione eccellente e poi ci sono quelle a maglia elastica e quest’ultima può esser composta in tessuto hi-tech, altrimenti quelle sempre a maglia elastica ma concepite esclusivamente per le situazioni di emergenza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA