Riyadh Car Show, festa delle supercar nella Capitale saudita

Grande asta di Silverstone Auctions con rarità del made in Italy

Redazione ANSA

La formula del Salone dell'Auto del Valentino, 'trasferita' per il 2020 a Milano e Monza, continua a incontrare successo nel mondo. L'esporre le auto in un parco, cioè in un contesto più semplice e più fruibile da parte del pubblico - e rinunciando a stand scenografici ma privilegiando la qualità del rapporto tra Case costruttrici, espositori e visitatori - ha contagiato non solo il celebre NAIAS North American International Auto Show di Detroit (che dal prossimo anno si svolgerà a giugno, con buona parte dell'esposizione all'aperto) ma anche il Riyadh Car Show 2019. Come descrive un video ( l'evento che si è aperto il 21 novembre scorso nella capitale dell'Arabia Saudita fa parte del lungo periodo di celebrazioni denominato Riyadh Season - dal 15 ottobre al 15 dicembre - per portare nei giardini della città saudita non solo hypercar e altri modelli di lusso prodotti attualmente, anche in serie limitate e quindi molto ricercate, ma anche un nutrito lotto di vetture da collezione.

Alla vendita, organizzata dalla casa d'aste americana Silverstone Auctions in collaborazione con la locale Seven Motor Company, verrà proposta una 'irripetibile selezione di supercar e classic car incredibilmente rare', tra cui una Ferrari 288 GTO del 1985, una Ferrari 599 GTZ Zagato Nibbio Spyder del 2010 e una McLaren P1 XP Carbon Series del 2015. Sotto i riflettori a Riyadh anche una Italdesign Zerouno (ne sono state costruite solo 5) e una Abarth 695 C Rivale.

La Silverstone Auctions è nata nel 2011 e da allora - si legge nella nota di presentazione del Riyadh Car Show 2019 - ha venduto in 31 Paesi del mondo oltre 3.000 auto da collezione, per un controvalore di 117milioni di sterline, cioè 136 milioni di euro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA