Concorso Italiano, sempre più protagonista di Monterey Week

Best in Show Ferrari 250 GT II Cabrio, ad Alfa 2000 PirelliAward

Redazione ANSA ROMA

Si è conclusa con successo l'edizione 2019 di Concorso Italiano, l'evento internazionale che da 33 anni accoglie e riunisce negli Stati Uniti, in occasione della Monterey Car Week, tutti gli appassionati delle auto italiane. Sui green del Bayonet Black Horse Golf Course, oltre 5 mila metri quadrati di superficie espositiva, sono stati presenti i maggiori brand italiani e più di 10.000 visitatori provenienti da tutto il mondo, in crescita del 10% rispetto allo scorso anno.

''Al grande successo di quest'anno - ha commentato Tom Mc Dowell, presidente di Concorso Italiano - hanno contribuito la serie di presentazioni di auto e moto, tra cui alcuni pezzi unici di assoluta rarità, oltre a un boom di nuove presenze e attività, e alla partecipazione di personaggi di spicco del panorama automotive e artistico italiano''.
Concorso Italiano si è aperto nella mattina di sabato 17 con la presentazione dei conduttori Myles Kitchen, appassionato di auto e consulente per start up dell'automotive, Matt Stone, giornalista free lance ed editore del magazine Motor Trend Classic, Gary Bobileff della Bobileff Motorcar Company, presidente di Giuria e Raffaello Porro, titolare della società di consulenza marketing StudioRPR specializzata nell'automotive di lusso, nell'innovazione e nelle business combination.

''L'ingresso di nuovi sponsor italiani come Pirelli e Menabrea - ha detto Porro, che è anche ambasciatore in Italia dell'evento - oltre all'accresciuta presenza di personaggi e brand di auto prestigiosi e alla sottoscrizione di un accordo quinquennale con il golf club sono le premesse per uno sviluppo di Concorso che rafforzerà il suo appeal tra i diversi eventi della Monterey Car Week. Cercheremo di crescere mantenendo intatto lo spirito vivace e spontaneo che lo caratterizza, sul green come nei punti di ristoro e nelle presentazioni sul palco''.

L'assegnazione del Best in Show Award - momento che ha regalato emozioni a tutti i presenti - ha visto primeggiare la Ferrari 250 GT II Cabriolet del 1960. Il premio, disegnato da Samuel Chuffart, VP e capo del design di Icona Design Group e realizzato da Egidio Reali di MR Collection, è stato consegnato a Ron Corradini (Newport Beach, CA) proprietario della 250 GT II Cabriolet magistralmente restaurata da Hot Rods & Hobbies. Lo stesso Corradini ha vinto Il Chairman's Award per una Maserati Ghibli della sua collezione.

Il premio PirelliPerfectFitAward è andato al possessore di una Alfa Romeo 2000 Touring del 1960, equipaggiata con pneumatici vintage Pirelli Collezione. Questa proposta della Casa della P lunga è una gamma dedicata espressamente alle vetture vintage progettate tra il 1950 e il 1980, per offrire alle vetture da collezione repliche dei modelli dell'epoca - l'Alfa vincitrice montava pneumatici Cinturato CA67 - ma realizzate con materiali e tecnologie attuali.
Mario Carlo Baccaglini, fondatore della mostra Auto e Moto d'Epoca di Padova, è stato invece premiato con La Bella Macchina Award, per 'la sua passione e il suo costante impegno nella promozione delle auto d'epoca', mentre il Valentino Balboni Award, (realizzato dall'artista italiana Francesca Lugli) è stato assegnato alla Lamborghini Countach in ricordo dell'esperienza vissuta da Balboni stesso durante gli anni trascorsi nell'azienda di Sant'Agata Bolognese.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA