Unimog e Classe G, due 'titani' Mercedes a confronto

Il fuoristrada celebra quest'anno il 40esimo compleanno

Redazione ANSA ROMA

Veicoli in grado di dare il meglio nel fuoristrada estremo, capaci di evolversi da decenni a livello tecnologico e di conquistare una schiera di fedeli appassionati in tutto il mondo: Mercedes-Benz ne vanta ben due.

Unimog rappresenta per i veicoli industriali ciò che Classe G simboleggia nel settore delle autovetture. Quest'anno la Classe G celebra il suo 40° anniversario, mentre la tradizione Unimog risale a oltre 70 anni fa. Entrambi hanno già più volte dato prova della loro affidabilità e forza, come dimostrano, tra l'altro, i successi ottenuti al Rally Dakar. Unimog e Classe G condividono, inoltre, robustezza e longevità, unite a una gamma di versioni ampia, con cui riescono a soddisfare qualsiasi esigenza. Non c'è, dunque da stupirsi che abbiano brillato anche a Hollywood: nei blockbuster 'Jurassic World' del 2015 e 'Transformers: L'ultimo cavaliere' del 2017 queste due icone si sono presentate addirittura insieme sullo stesso set. Nel gennaio 2018 l'attuale Classe G è comparsa in anteprima mondiale sul palcoscenico di Detroit al fianco di Arnold Schwarzenegger. Non a caso, in passato nel garage del celebre attore erano parcheggiati sia una Classe G sia un Unimog.

La Mercedes-Benz Classe G è stato un concept rivoluzionario fin dalla sua nascita: mai prima di allora si erano viste doti off-road abbinate a guidabilità su strada e sicurezza senza compromessi. La Serie di autovetture Mercedes, la più longeva in assoluto, è prodotta da quattro decenni a Graz (Austria) con grande passione e cura artigianale. L'elevato livello qualitativo ha dato i suoi frutti: l'80% di tutte le Classe G prodotte circola ancora sulle strade asfaltate e fuoristrada di tutto il mondo.

Grazie al suo telaio a longheroni e traverse di serie, ai tre bloccaggi del differenziale al 100% ed al rapporto fuoristrada Low Range, Classe G riesce ad arrivare ovunque. A seconda del terreno, la sua capacità di salita arriva fino al 100%. In posizione inclinata di 35 gradi, la stabilità di Classe G consente di proseguire la marcia, mentre grazie alla profondità di guado di 70 cm si possono attraversare agevolmente anche piccoli corsi d'acqua.

Classe G, di conseguenza, è predestinata alle più svariate destinazioni d'uso. Numerose versioni speciali mettono in evidenza i suoi punti di forza, per esempio al fianco di Polizia, Vigili del Fuoco e servizi di soccorso. L'icona dell'off-road è famosa in tutto il mondo come 'Papa-mobile': verniciata in tonalità madreperla e dotata di un allestimento speciale vetrato, è stata la vettura di servizio che ha accompagnato Papa Giovanni Paolo II negli anni '80.

Mentre Classe G brilla anche come vettura all'insegna del 'lifestyle', Mercedes-Benz Unimog è un vero e proprio 'animale da lavoro'. In Francia viene impiegato come veicolo antincendio per gli incendi boschivi, in Sicilia come 'shuttle-bus' per accompagnare i turisti sull'Etna; supporta inoltre la Deutsche Gesellschaft zur Rettung Schiffbrüchiger (Associazione Tedesca di Ricerca e Soccorso in Mare) come veicolo di soccorso. Le sue doti off-road e la sua affidabilità ne fanno un partner su cui potere sempre contare in tutto il mondo, grazie anche agli oltre 650 Punti di Assistenza Unimog presenti in più di 130 Paesi. I lettori della rivista specializzata 'Off Road' lo hanno eletto per ben 15 volte consecutive come Fuoristrada dell'anno nella categoria 'Veicoli speciali'.

Nel 1946 Albert Friedrich di Daimler-Benz progettò l'Unimog in collaborazione con la società Erhard & Söhne di Schwäbisch Gmünd, che in realtà forniva posaceneri per le berline della Stella. Il nuovo veicolo fu concepito come 'macchina multiuso a motore' destinata all'agricoltura. Rispetto alla tecnica dei trattori dell'epoca, presentava numerose novità: la sua velocità massima di 50 km/h, per esempio, era il doppio di quella di un normale trattore agricolo. Il successo andò oltre ogni aspettativa; nel 1949 fu avviata la produzione di serie presso la Maschinenfabrik Boehringer a Göppingen. Anche il nome del veicolo risale a quel tempo: Unimog, l'abbreviazione di Universal-Motorgerät (veicolo universale a motore).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA