Scoperta un'autoscuola abusiva solo per cinesi

A Prato, solo allievi orientali per prendere la patente automobilistica

Redazione ANSA PRATO

Se la caverà con una multa da 20.000 euro la cinese che aveva aperto a Prato una scuola guida abusiva per i connazionali che vogliono prendere la patente automobilistica italiana. La polizia provinciale in un controllo ha trovato l'autoscuola illegale nella quale si effettuavano corsi.

La struttura non risulta coi requisiti e le autorizzazioni previste dalla legge. Il business, illegale, era gestito sotto l'egida di una generica associazione culturale collocata in via Filzi, nella Chinatown pratese. Al momento del controllo c'erano un'insegnante e 15 giovani cinesi. L'attività veniva pubblicizzata con un passaparola, via chat, vantando la possibilità di iscriversi a corsi con insegnante cinese e senza allievi italiani. Costo, circa 150 euro. E' stato messo sotto sequestro il locale in cui si svolgeva l'attività, mentre la titolare dell'associazione culturale, che poi è anche l'insegnante cinese di scuola guida, oltre alla multa da pagare è stata denunciata.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA