Strada dei Parchi, chiusura traforo Gran Sasso ancora non revocata

Concessionaria A24-A25 'manca intesa su responsabilità'

Redazione ANSA L'AQUILA

"Strada dei Parchi non ha revocato la decisione di chiusura del Traforo sull'A24, perché non è ancora risolto il nodo della responsabilità in ordine ai rischi di inquinamento dell'acquifero del Gran Sasso con le gallerie aperte al traffico. Non c'è ancora intesa su come si possa sollevare la società dal rischio di reiterazione del reato". E' quanto fanno sapere da Strada dei Parchi Spa, concessionaria delle autostrade A24 e A25.
 Alla base del dietrofront di Strada dei Parchi, anche gli impegni, ha sottolineato ancora il vicepresidente della concessionaria Strada dei Parchi, Mauro Fabris, assunti dalle amministrazioni interessate. "Domani mattina la concessionaria - ha annunciato Fabris - depositerà una memoria in Procura a Teramo in cui, a tutela dei propri dirigenti e della stessa società, ribadirà quanto è stato fatto finora e quanto intende ulteriormente realizzare per la messa in sicurezza ai fini ambientali delle gallerie del Gran Sasso, almeno per quanto riguarda le proprie competenze. Tutto ciò nell'attesa che il Governo e il Parlamento confermino con decisioni conseguenti i provvedimenti, come la nomina di un commissario straordinario dotato di poteri e risorse adeguate per risolvere i problemi dell'acquifero del Gran Sasso che di certo non compete a Strada dei Parchi".   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA