Con carsharing DriveNow ora si viaggia da Milano a Malpensa

Dopo Linate, auto condivise anche nell'altro aeroporto milanese

Redazione ANSA ROMA

Presente a Milano dall'ottobre del 2016, l'operatore di carsharing DriveNow ha deciso di ampliare dal 15 gennaio il raggio d'azione delle sue auto condivise sino all'aeroporto di Malpensa. Questa scelta permetterà agli abbonati della società del gruppo BMW di utilizzare una delle 500 vetture della Casa dell'Elica o del marchio Mini per raggiungere lo scalo intercontinentale lombardo, partendo dal capoluogo. Potranno usare i veicoli in vista di una partenza o per andare a prendere amici o parenti. L'opzione si affianca alla possibilità, già operativa da tempo, di raggiungere il city airport di Linate.

La clientela DriveNow che utilizzerà questa nuovo servizio dovrà terminare l'utilizzo del veicolo presso il parcheggio P3, quello di fronte al Terminal 1, posteggiando il mezzo in una delle aree di sosta riservate. Per chi atterrerà a Malpensa il punto di ritiro sarà il medesimo, con la possibilità di rilasciare la vettura sia nel capoluogo lombardo sia a Linate, in questo caso sarà richiesto un extra di 5 euro. Dalla società chiariscono che la tariffa fissa per iniziare o terminare il noleggio a Malpensa è di 12 euro, somma a cui va naturalmente aggiunto il costo di utilizzo della macchina, da calcolare come di consueto con una tariffa che tiene conto del tempo di noleggio (da 0,31 euro al minuto per le Mini a 3/5 porte e Clubman, da 0,34 euro/minuto per le BMW e le Mini Cabrio) oppure con spesa "a pacchetto", con chilometraggi fissi inclusi.

In merito a questa nuova opportunità, Andrea Leverano managing director di DriveNow in Italia, sottolinea: "Oggi aggiungiamo un altro importante tassello in termini di intermodalità e internazionalità per DriveNow, offrendo ai nostri clienti una nuova opportunità di accesso all'importante 'hub' di Milano Malpensa dal quale sarà più facile raggiungere anche le capitali europee nelle quali siamo presenti".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA