Protesta Ncc, centro di Roma blindato

Agitazione contro l'entrata in vigore, dal primo gennaio, di una legge che - sostengono - metterebbe a rischio centinaia di posti di lavoro.

Redazione ANSA

Il centro storico di Roma è blindato dalle forze dell'ordine dopo il malumore espresso dai rappresentanti degli ncc che da giorni stanno protestando contro l'entrata in vigore, dal primo gennaio, di una legge che - secondo loro - metterebbe a rischio centinaia di posti di lavoro. Secondo quanto si apprende, una delegazione ha incontrato il viceministro ai Trasporti, Edoardo Rixi, ma nel vertice non sarebbe stata raggiunta un'intesa.

"Esprimiamo la nostra totale insoddisfazione dopo l'incontro con il vice ministro ai Trasporti", afferma il presidente di Anitrav Mauro Ferri al termine dell'incontro al ministro dei trasporti. Non va avanti la proroga della 29/1 quater, si prepara un emendamento da presentare al Senato in cui sostanzialmente verranno provincializzate le attività Ncc. Questo significa che la sede dell'impresa e la rimessa devono essere nello stesso territorio in cui è stato rilasciato il titolo autorizzativo. A questo punto lasciamo la piazza in mano alla categoria".

Cambiano, dunque, le norme che regolano l'attività di noleggio con conducente. Un emendamento dei relatori, depositato in commissione Bilancio al Senato e non ancora votato, prevede che gli Ncc possano operare in ambito provinciale ma senza dover tornare sempre in rimessa. La deroga è prevista se nel 'foglio di servizio' già sono indicate "più prenotazioni oltre la prima". Previsto anche lo stop al rilascio di nuove autorizzazioni fino alla piena operatività di un nuovo "archivio informatico pubblico nazionale" che registrerà tutte le licenze anche dei taxi.

Attimi di tensione durante il presidio di Ncc a piazza della Repubblica, al centro di Roma. Secondo quanto si è appreso da fonti della polizia locale, ci sarebbe stata una "caccia" al vigile da parte dei manifestanti. Un agente sarebbe stato accerchiato da una trentina di persone rischiando il linciaggio. Sono intervenute le forze dell'ordine in tenuta antisommossa per metterlo a riparo. Un cordone di forze dell'ordine con blindati impedisce l'accesso a piazza Venezia. 

La protesta è arrivata sotto il Senato: oltre duecento, e il numero va aumentando, i rappresentanti della categoria che stanno protestando sotto l'entrata principale di palazzo Madama bloccando corso Rinascimento. Perlopiù vistiti di blu manifestano contro il governo al grido di: "Buffoni, buffoni" "armati" di fischietti e trombe e una bandiera dell'Italia che sventola.

I sindacati dei taxi denunciano violenze: "Stiamo facendo presente qui al ministero dei Trasporti che ci sono numerosi Ncc malintenzionati a Roma e a Milano, che salgono sui taxi con l'intenzione di danneggiare le vetture. Sulle radio girano appelli a non prendere corse da Piazza della Repubblica, a Roma, e da Piazza della Scala, a Milano. Chiediamo ai colleghi tassisti di non cedere alle provocazioni".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: