M5s contro uso dello smartphone alla guida, ma auricolari consentiti

"Nostra proposta legge inasprisce sanzioni per chi usa dispositivi mobili"

Redazione ANSA

"Siamo costretti a smentire la notizia diffusa da alcuni media i quali riferiscono erroneamente che la nostra proposta di modifica del Codice della strada, appena depositata alla Camera, prevede il divieto di utilizzare gli auricolari alla guida. Rassicuriamo sul fatto che l'uso dell'auricolare continuerà ad essere consentito, come espressamente previsto dal nostro testo". Così in una nota i deputati del Movimento 5 stelle in commissione Trasporti alla Camera. "La nostra proposta di legge - prosegue - invece, inasprisce le sanzioni per chi utilizza dispositivi mobili durante la guida.

Nello specifico, per chi utilizza 'smartphone, computer portatili, notebook, tablet e dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l'allontanamento delle mani dal volante di guida'. Una misura necessaria, come auspicato anche dalla polizia stradale, a causa dell'uso diffuso dei social network e dei sistemi di messaggistica per scrivere, leggere messaggi e fare foto. Il dettato della norma è chiaro: chi allontana le mani dal volante per utilizzare questi device sarà sanzionato, mentre dispositivi di viva voce e auricolari si potranno usare tranquillamente. Per chi infrange il divieto sono previste sanzioni amministrative molto pesanti - concludono - con decurtazione dei punti e sospensione della patente di guida fino a tre mesi o sei se recidivi".

In precedenza il sottosegretario alle infrastrutture e trasporti Michele Dell'Orco, su twitter, aveva scritto: "Il Movimento 5 Stelle ha proposto di inasprire le sanzioni per chi usa il cellulare alla guida, fino ad arrivare al ritiro della patente. Spero che la legge di modifica al codice della strada, a prima firma Emanuele Scagliusi, venga approvata in fretta. Serve più sicurezza sulle strada".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA