Teen

Le Winx compiono 15 anni, fatine per la nuova generazione di ragazze indipendenti

Ottava serie, 'apripista' . Presto live action con attrici per Netlfix

Winx club © ANSA

"Le fatine Winx? Per una generazione di brave ragazze ma consapevoli, forti, capaci di realizzarsi, indipendenti dagli uomini e che anzi li salvano". Dal quartier generale di Loreto Iginio Straffi, disegnatore e amministratore delegato fondatore del Gruppo Rainbow che ha guadagnato fama mondiale con il brand delle fatine Bloom, Aisha, Stella, Tecna, Musa e Flora, rivendica anche la caratteristica di 'edutainment' della produzione che ha affascinato bimbi di 100 paesi del mondo in 15 anni di tv (prima trasmissione il 28 gennaio 2004).

Nel 2019 arriverà l'8/serie animata: le amiche magiche salveranno le stelle per un pubblico di bimbe tra i tre e sette anni; presto anche un live action prodotto da Netflix rivolto ad adolescenti, con attrici nei ruoli delle fatine. Il Gruppo marchigiano nato nel 1995, 900 dipendenti dopo l'acquisizioni nel 2017 della canadese Bardel Enterteinment inc., è al 13/o posto tra i top global licensor con 500 licenziatari attivi nel mondo: gestisce direttamente la creazione dei contenuti delle produzioni e controlla con cura la commercializzazione di gadget, specialmente bambole e prodotti editoriali come il Magazine (174 pubblicazioni mensili) con 'tiratura' di 30mila copie. Sforna prodotti in 25 lingue - dialoghi e canzoni, di solito con labiale in inglese, doppiati e adattati nelle varie lingue -, vanta 30 milioni di utenti web e 6,5 miliardi di visualizzazioni Youtube. Le creazioni, ha spiegato Straffi, che guarda ora all'espansione in Cina, sono frutto di "contaminazione tra mondo occidentale e giapponese". Nel 2019 verrà distribuito nel mondo anche "Club 57" un altro live action co-prodotto con Nickelodeon, che racconta la storia di Eva e Ruben catapultati nel 1957 da una macchina del tempo durante la messa in onda di un musical omonimo del titolo.

Ma prima di festeggiare il 15/o anno delle Winx con vari eventi (mostra itinerante, live action Netflix, live 'Magika' in teatri di tutto il mondo e 8/a serie animata), dal 12 novembre Rainbow vedrà trasmessa su Rai YoYo il nuovo cartoni animato 3D "44 gatti" (52 episodi da 13 minuti) ispirato dalla canzone che vinse lo Zecchino d'Oro nel 1968: 'colonna sonora' 20 brani interpretati dal Piccolo coro 'Mariele Ventre' dell'Antoniano di Bologna che ha collaborato alla serie come Rai ragazzi. Racconta le avventure di quattro gatti (Lampo, Milady, Pilou e Polpetta) musicisti nei 'Buffycats' che vivono nella casa di Nonna Pina, sempre pronti ad aiutare amici: in maniera divertente vengono affrontati temi come la solidarietà e la diversità. "Le canzoncine - ha detto Straffi - a volte nascondono grandi storie, come il cane che vuole diventare gatto e necessità di sostegno per assecondare le proprie inclinazioni". Un parallelo con la storia del patron, fumettista che fece breccia a livello nazionale con la striscia 'Tommy & Oscar' e poi sfondò con le Winx "facendo sognare anche le bambine in un mondo di cartoni animati soprattutto maschili".

"Novanta milioni di lire" investiti e "un decennio senza vacanze": "Oggi mi dire: ma sei matto...". Poi l'intuizione delle licenze che portarono royalties e fondi per valorizzare il brand per arrivare a "parlare con le aziende più importanti del mondo nel settore". Ciò grazie a una produzione di qualità: serve il lavoro di 700 persone dello staff di specialisti (sceneggiatura, disegno, animazione, story editor, effetti speciali e regia) per realizzare in un giorno un minuto di storia animata.

  • dell'inviato Daniele Carotti
  • LORETO (ANCONA)
  • 29 settembre 2018
  • 12:29

Condividi la notizia