Società & Diritti

Vita digitale e privacy, 5 consigli contro gli 'spioni' 2.0

Stalkerware, lo spionaggio domestico è in crescita. Italia seconda in Europa

riconoscimento con fingerprint. Wiko View3_security © Ansa
  • Redazione ANSA
  • 02 novembre 2019
  • 19:37

Sicurezza e privacy: i rischi legati alla “vita digitale” sono numerosi ma, come emerge sempre ad ogni ricerca sul tema, non ce ne rendiamo mai conto abbastanza quanto sia importante conoscere le cyber minacce e i metodi per proteggersi in un mondo dove ormai la tecnologia è ovunque.

Protagonista tecnologico indiscusso è oggi lo smartphone, che ci accompagna dalla sveglia del mattino fino a quando si va a letto la sera. Trascorriamo la maggior parte della nostra giornata con il telefono in mano per aggiornare i social, leggere le email, scattare e condividere foto, navigare online o più semplicemente rispondere a una chiamata o un messaggio. Come il buon caro e vecchio diario, gran parte della vita quotidiana è racchiusa in uno smartphone...a portata di spioni 2.0

Secondo una ricerca condotta da Kaspersky , società di sicurezza informatica a livello globale, è in aumento la diffusione di stalkerware, programmi di spionaggio domestico, che possono essere installati solo se si ha in mano il device, per accedere a messaggi, fotografie, social media, geolocalizzazione e registrazioni audio o video. Con un incremento del 93% delle incidenze rispetto al 2018, il nostro Paese si aggiudica la medaglia d’argento in Europa risultando essere uno dei popoli “più spioni” con una maggiore predisposizione a voler controllare lo smartphone di parenti, fidanzati e perfino colleghi.

Ecco 5 consigli per garantire sicurezza e privacy, forniti da Wiko:

1. Password complesse: può sembrare scontato ribadirlo, ma non è affatto così. Scegliere la data di nascita o utilizzare sempre la stessa password per accedere a dispositivi diversi non è assolutamente una buona idea. Affinché nessuno riesca ad accedere allo smartphone è fondamentale impostare password complesse e difficili da indovinare, costituite da almeno otto caratteri alfanumerici e caratteri speciali.

2. Attivare il fingerprint: la sicurezza è a portata di mano grazie al sensore di impronte digitali. Il fingerprint associato a una password complessa, a un pin come anche a una sequenza non intuitiva, costituisce una protezione ulteriore per accedere ai propri contenuti o approvare un acquisto, con un solo tocco, in modo rapido e veloce.

3. Utilizzare reti Wi-Fi sicure: non tutte le reti sono uguali. Se da un lato le reti wi-fi pubbliche consentono di accedere a Internet, social network e casella email quando si è fuori casa, dall’altro spesso sono oggetto di attacco da parte dei criminali informatici per rubare informazioni sensibili. Per questo è sempre meglio cercare di verificare se si tratta di una connessione wireless legittima.

4. Scaricare app solo da store ufficiali: le app provenienti da fonti non affidabili possono rappresentare un rischio per la sicurezza. Per non incappare in truffe, è fondamentale scegliere esclusivamente le app dagli store ufficiali, che ne verificano autenticità e sicurezza.

5. Fare attenzione alle policy sulla privacy: istintivamente quando si scarica una nuova app si accettano, quasi sempre senza leggerle, le relative policy sulla privacy. È invece importante dedicare tempo alla loro lettura e analizzare attentamente quali autorizzazioni sono state concesse all’app appena scaricata.