Società & Diritti

'My mirror', nell'era dei selfie specchiarsi nell'altro è rivoluzionario

Esperimento di 'eye contact', 4 minuti per guardarsi negli occhi altrui

Guardarsi foto bowie15 iStock. © Ansa

Una doppia cabina, in cui due sconosciuti si siedono uno di fronte l'altro, per 4 minuti, semplicemente per guardarsi negli occhi. Al termine di questa breve interazione, ognuno dei due, assistito da alcuni facilitatori, racconta all'altro le sensazioni che ha provato.
    E' 'My mirror', un nuovo esperimento di eye contact, organizzato da Caritas Ambrosiana, che sarà possibile sperimentare a Fa' la cosa giusta!, la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili dal 23 al 25 marzo.

Le tecniche di eye contact - spiegano gli organizzatori - dimostrano che 4 minuti di contatto visivo avvicinano le persone più di tante parole.

Così, con My Mirror si proverà a favorire l'incontro tra tante persone diverse, per genere, età, nazionalità, storie. L'idea di fondo è che nell'epoca dei selfie, dove ci si specchia solo negli schermi dei propri smartphone, specchiarsi negli occhi di un altro può essere un atto rivoluzionario e comunque non lascia nessuno indifferente

Secondo le stime, in media, ognuno di noi passa 5 anni della propria vita collegato a internet, 11 davanti alla tv. Con quante persone potremmo connetterci se ci prendessimo la briga di guardaci negli occhi gli uni con gli altri? E come cambierebbe la percezione che abbiamo del mondo?

Fragilità, povertà, migrazioni, malattia quando si incarnano in un volto smettono di essere un semplice fenomeno sociale, il titolo di un articolo, spesso di cronaca nera, ma diventano la vita del compagno di scuola e della sua famiglia, del vicino di casa, del parente prossimo.
My Mirror fa parte della campagna di Caritas Internationalis “Share the journey” volta a promuovere la “cultura dell'incontro”.
   

  • Redazione ANSA
  • MILANO
  • 25 marzo 2018
  • 12:07

Condividi la notizia