Società & Diritti

Banda Biscotti e gli altri, quando il carcere fa la cosa giusta

Il laboratorio di Fattorie Migranti © ANSA

(di Alessandra Magliaro) - Si chiamano Banda Biscotti, ma poi ci sono anche le Dolci Evasioni, le Lazzarelle, Sprigioniamo i sapori, Madeinjail, Fattorie Migranti e molti altri. L'ironia non guasta a queste, ed altre, associazioni e cooperative sociali diventate in alcuni casi anche piccole imprese che sviluppano buone pratiche di economia carceraria. Se il carcere non è solo il luogo di espiazione della pena ma anche il luogo dove si riacquista dignità, se la giustizia è anche questo, allora passa per il lavoro. E' una seconda chance, quella che tutti dovrebbero avere nella vita, un nuovo progetto per il futuro, con nuove competenze. Questo, i dati ne sono la riprova, fa sì che un detenuto che lavora uscendo più difficilmente tornerà a delinquere. In Italia ci sono più di 60 mila detenuti e solo 2000 di essi lavorano, una percentuale decisamente bassa. Non serve un carcere che umili ma un carcere che aiuti a non ripetere gli stessi errori. I detenuti fanno biscotti, magliette, caffè, borse, stampe, oggetti di design, puntando alla qualità più che al profitto. Lavorazioni artigianali e creatività per dare un senso al tempo speso dietro le sbarre e per costruirsi un nuovo futuro. Ogni accessorio finisce per trasferire a chi lo acquista un messaggio che parla di diritti umani, giustizia, condivisione, legalità. Chi compra questi prodotti sa che aiuterà queste persone a fare un lavoro dignitoso, capace di alleviare uno stato di disagio, ridando fiducia e speranza nel futuro. In una parola, a riscattarsi.

Apripista fu Rebibbia, la terza casa penale di Roma, dove dal 1983 si producono T-shirts e felpe con il marchio Made in Jail. Magliette con scritte, immagini e disegni, spesso in tema 'sbarre': l'idea venne ad un gruppo di detenuti (ora ex) che ritrovando impegno e passione, una volta scontata la pena, si sono reinseriti nella società. Verso la fine degli anni 80, il gruppo ha creato una cooperativa dando vita ad un vero e proprio movimento per favorire dentro e fuori degli Istituti Penitenziari italiani la rieducazione al lavoro e la formazione professionale e culturale. A Fa' la cosa giusta, la fiera degli stili di vita sostenibili, l'economia carceraria ha occupato, nel mese scorso a Milano, un'intera sezione, rappresentativa di tutto quello che si muove in questo ambito e 10 cooperative si sono riunite per fare rete con un unico brand, Freedhome, che dovrebbe diventare il marchio di una catena di negozi che vendono prodotti dell'economia carceraria.

Su ANSA.IT leggi il magazine completo

  • Redazione ANSA
  • 10 aprile 2015
  • 19:50

Condividi la notizia