Moda

Enzo Fusco, Blauer Usa si mette in costume, la novità è il beachwear

Il brand lancia 10 modelli di boxer da bagno, rigorosamente green

L'abbigliamento Blaur Usa è sempre più green a Pitti anche una linea beachwear eco-solidale © ANSA
  • Patrizia Vacalebri
  • ROMA
  • 10 giugno 2019
  • 17:57

  "La novità della collezione maschile primavera/estate 2020 è la linea beachwear, circa 10 modelli di boxer da bagno, dall'impronta basic/police, con stampe dal gusto americano come la bandiera e il mimetico-militare che personalizzano il nylon e il nylon camouflage tinti in capo, realizzati entrambe con la plastica riciclata ricavata dai vuoti delle bottiglie. In generale, proseguiamo dunque con il tema green partendo dalle imbottiture dei piumini, per passare ai tessuti e alle tinture. Già da anni infatti usiamo colorazioni che rispettano l'ambiente". Così, Enzo Fusco, patron in Italia del marchio Blauer Usa, che dal 1936 fornisce le divise ai poliziotti americani, e che festeggia nel 2019 i primi 20 anni di presenza del marchio nel nostro paese cominciando da Pitti Uomo. La nuova collezione richiama l'heritage del brand con uno stile urbano e sempre presenti riferimenti al mondo militare poliziesco. La proposta di piumini leggeri è vasta, con un'ampia selezione di modelli green. Il gruppo FGF Industry, a cui fa capo il marchio Blauer Usa e Fusco, che ne è anche direttore creativo, ha cominciato già da tempo la conversione del marchio di punta del gruppo ad uno stile conscious. "Il must have della stagione - rivela Fusco - è infatti il capo realizzato, sia nel tessuto che nell'imbottitura con Repreve, una fibra riciclata, sostenibile, brevettata dall'azienda Unifi, realizzata interamente con la plastica post consumo di qualità alimentare e senza il nocivo bisfenolo. Ampio spazio ai capi imbottiti con piuma eco dell'azienda Sorona, accanto alla piuma riciclata, una riconferma per il marchio che la utilizza da tre stagioni, apprezzandone l'estrema morbidezza e leggerezza". Esternamente i piumini sono proposti trapuntati con il classico motivo ad onda oppure lisci con la impuntura all'interno. Nei capospalla-icona il nylon tinto capo e il nylon camouflage effetto old vintage sono abbinati al taslan per i dettagli.

Modelli basic ma identificativi come il bomber, la field jacket, la overshirt e il parka, sono disponibili in nylon stretch, neoprene nastrato, gabardine di cotone. K-way e bomber fashion presentano stampe e nastrature esterne che ricordano la tradizione del motociclismo americano. Ispirazione biker anche per i giubbotti in pelle, riproposti in varie qualità di pelli e trattamenti. Oltre ai classici bomber-barracuda, ritroviamo diversi modelli colorati, con patch. Effetto bicolor, tinto in capo o lino rigato per la maglieria. Diversi tessuti, lavorazioni e ricami patch per le camicie button-down e la classica police. Presenti anche polo in jersey e piquet dal gusto militare e chinos, oppure modelli cargo con tasconi e bermuda. "Sono molto soddisfatto dei dati economici - conclude Fusco. Prevedo che il gruppo FGF Industry chiuderà il bilancio 2019 con un +18% e un fatturato di 52 milioni di euro, a cui aggiungerei 8-10 milioni di royalty su accessori, profumo e occhiali. Inoltre entro la fine dell'anno in corso prevediamo di aprire nuovi negozi a Praga, a Lione, In Cile e a Verona. Nel 2020 chiuderemo il discorso retail con nuove aperture a New York, Parigi e a Londra".

  • Patrizia Vacalebri
  • ROMA
  • 10 giugno 2019
  • 17:57

Condividi la notizia