Design & Giardino

La Stella di Natale, come usarla per decorare la casa e come farla sopravvivere alle feste

In vaso o recisa, consigli e idee

Questa romantica decorazione assemblata con dell'eucalipto e una Poinsettia recisa bicolore dona un aspetto naturale e luminoso alla tavola. foto courtesy Stars for Europe © Ansa

La Stella di Natale (o Poinsettia), originaria delle foreste del Messico dove cresce spontaneamente raggiungendo fino a cinque metri di altezza, è da tempo un classico tra le piante domestiche durante la stagione natalizia. Ha uno spettro di colori che variano dal rosa antico al marrone scuro, dal rosso cannella al rosa intenso e al giallo, sfumature di tonalità, righe e fantasie a macchie. Pochi conoscono le molte varietà di questa pianta, poichè oltre l'80% delle piante presenti in Italia sono del colore rosso tradizionale.

Nell'interno delle abitazioni durante le feste non manca mai ed è anche una grande tradizione regalarle quando si è ospiti. fanno insomma subito Natale, ma è bello anno dopo anno riuscire a riscoprirle in una chiave sempre nuova. Queste piante si adattano a qualsiasi gusto o stile. Elegante, classico, romantico, minimal: la versatilità della Stella di Natale permette di apprezzare questa pianta non solo come pianta in vaso ma anche come fiore reciso utilizzabile in modo originale per dare il giusto tono a decorazioni, addobbi o regali personalizzati.

Si è creata però la cattiva reputazione di essere una pianta difficile da curare. Ecco qualche consiglio da Stars for Europe per tenere in bella vita questa pianta e farle superare indenne le feste.

Corretta irrigazione: poco è meglio
La Stella di Natale ha delle esigenze modeste per quanto riguarda ‘il bere’. È infatti importante che le sue radici non siano né troppo asciutte né troppo bagnate. L’ideale è versare, con moderazione, un piccolo sorso ogni due giorni. Un sovraddosaggio d’acqua potrebbe portare a problemi di ristagno, facendo marcire l’apparato radicale. La salute della pianta si può facilmente intuire dalle foglie: se si ingialliscono o cadono, si deve prestare maggiore attenzione alla fornitura d’acqua.Si consiglia, inoltre, di controllare lo stato del suolo: idealmente non dovrebbe essere né bagnato né del tutto asciutto. Indicatori di buona salute di una pianta sono una vegetazione fitta con foglie giallo-verde, oltre alla presenza di boccioli tra le brattee colorate. In più: quando si acquista la Stella di Natale nei mesi di Novembre e Dicembre, il terreno è solitamente già fertilizzato. Quindi non è necessario somministrare il fertilizzante durante il periodo di fioritura della pianta.

Home decor con la Stella di Natale, ecco come fare

Un'idea per decorare la tavola di Natale: alcune stelle di Natale recise affiancate da altri elementi naturali quali muschio, ramoscelli e pigne rappresentano un classico assemblage natalizio. Apparecchiato con dei sottobicchieri in legno rustico in uno stile vintage, aggiunge un tocco speciale alla tavola di Natale. Nella gallery altri suggerimenti utili

Partiamo dalla tavola!
"Rosso is the new black?" Sì! Il colore rosso è sempre un gran classico nelle grandi occasioni: perfetto da reinterpretare anche in chiave più moderna utilizzando delle Stelle di Natale recise da posizionare qua e là nel centrotavola oppure come ferma tovagliolo. Per una resa decorosa preparare una dozzina di steli di Stella di Natale (o Poinsettia), insieme a delle lucine e ad alcuni elementi naturali a scelta come muschio, sempreverdi e pigne con cui andare a creare un fantastico look natalizio. Consiglio per le Stelle di Natale: avvolgere la punta dello stelo reciso in un nastro verde o inserirla in una provetta da orchidea riempita d'acqua. Per accentuare "l'effetto naturale" utilizzare dei sotto-piatti di corteccia d'albero mescolandoli a dei bicchieri che si intonano ai colori della tavola.

Stelle di Natale maxi e mini: elegante gioco di contrasti
Parola d'ordine "mescolare". Creare movimento sulla tavola prediligendo accostamenti di grande impatto: Stelle di Natale rosa sfumato accanto a varietà salmone o rosse, piante in vaso grandi, medie o piccole vicino a Stelle di Natale mini. I contrasti studiati ad hoc servono a rendere lo spazio più sofisticato e a nobilitare tavola e invitati

Un consiglio: attenzione a non scegliere piante troppo alte se decidete di sistemarle al centro perché potrebbero ostacolare la visuale tra gli ospiti. Utilizzare vasi ricercati, magari dorati o argentati, e non limitarsi nella scelta di ornamenti aggiuntivi. Pigne, stelle e accessori vari possono infatti aiutare ad impreziosire la tavola.

Il consiglio in più: oltre ad osare con i colori vivaci, di sicura presa sui commensali, create una decorazione personalizzata per ogni ospite da lasciare come segnaposto. Basterà scegliere una Stella di Natale mini e circondarla di pigne, mele decorative, gingilli e un'apposita targhetta col nome (ad esempio una mini-lavagnetta sui cui scrivere con un gessetto). Quindi sistemare la creazione in un 'piattino di benvenuto' che verrà poi sostituito nel momento in cui si inizierà a mangiare.

Nuances pastello protagoniste per un effetto romantic chic
Le Stelle di Natale recise dalle sfumature rosa-rosso-crema si sposano perfettamente con il verde dell'eucalipto regalando alla tavola un tocco delicato e romantico. Per l'appoggio è perfetto il tavolo a tutto legno che possa valorizzare al meglio il colore delle Stelle di Natale recise (bandita la tovaglia quindi!).

Come centrotavola è indicato un vaso 'più importante', magari a forma di anfora. L'idea per decorarlo? Riempirlo con della schiuma da fiorista imbevuta d'acqua e aggiungervi le Stelle di Natale recise e qualche rametto verde. Non serve riempire la tavola con troppi elementi, bastano pochi dettagli ma molto curati.

'Bianco Natale Mood': Stelle di Natale che alludono al candore della neve e all'inverno
Le decorazioni da tavola realizzate con le Stelle di Natale bianche donano un tocco festoso elegante e minimal chic: scegliere delle tazze della dimensione giusta e utilizzarle come portavaso sistemandole in corrispondenza di ciascun posto a tavola. Prediligere per una migliore 'resa scenica' le piante in vaso invece delle Stelle di Natale recise.Non sovraccaricare la composizione: linee rette e pochi accessori trasmettono un'impressione di semplicità e di eleganza. Scegliere dei vasi più particolari per le piante da sistemare al centro del tavolo sempre scegliendo dei colori che siano in armonia con tutto l'insieme.

Valutare se aggiungere dei portacandele, abbinati a delle semplici candele bianche o a qualche pigna, contribuiranno a creare atmosfera. L'idea in più: aggiungere alle piantine di Stelle di Natale i nomi degli ospiti scrivendoli a mano, in bella calligrafia, su piccole carte da disegno, e poi legandoli ai vasi con una foglia dorata e un nastro decorativo. Sempre una bella alternativa al classico segnaposto.

Suggerimento: per preservare la tazza in cui le Stelle di Natale verranno riposte si consiglia di avvolgere il vaso con del cotone idrofilo (il bianco a colpo d'occhio richiamerà la neve!).

Come conservare la Stella di Natale recisa: se i gambi saranno subito sigillati dopo il taglio la Stella di Natale rimarrà fresca sino a due settimane. Dopo il taglio sigillare gli steli immergendoli in acqua riscaldata a 60° per circa cinque secondi. Quindi immergerli in acqua fredda e poi sistemarli in acqua fresca all'interno di un vaso. Nota: contrariamente a quanto si sostiene, la linfa lattiginosa delle Stelle di Natale distribuite da Stars for Europe a livello locale non è nociva per gli esseri umani.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:
  • Redazione ANSA
  • 18 dicembre 2018
  • 21:03

Condividi la notizia