ANSAcom

Nasce l'associazione Equilibra per il Benessere Sociale

Obiettivi educare ai diritti civili e combattere la violenza

ANSAcom

SANREMO - Conquistare il benessere sociale, partendo dal singolo individuo è la mission dell'associazione "Equilibra per il Benessere Sociale", che ha debuttato a Sanremo, a margine del Festival della Canzone italiana, con un connubio di eccezione, quello con la musica. "Lo strumento migliore per procurare all'anima un Benessere assoluto e raggiungibile da tutti", sottolinea Maria Zuccarelli, responsabile comunicazione, eventi e progetti sociali di Equilibra. Il battesimo al Palafiori nell'esclusiva cornice di Casa Sanremo, con una cerimonia condotta da Martina Pascutti. Scopo dell'Associazione è promuovere il "Benessere Sociale" come condizione da raggiungere per migliorare la vita di tutti, con l'educazione ai diritti civili, al riconoscimento dei segnali di violenza e alla prevenzione della stessa sia sulle donne che di genere. Il primo progetto, già in corso, che prenderà in carico l'Associazione è: "A Scuola di Rispetto", già attivo sul territorio italiano nelle scuole superiori di alcune regioni italiane, con programmi che mirano ad individuare la violenza (diretta o assistita) fisica, sociale, psicologica e attraverso tecniche teoriche-esperienziali, a riconoscerne i segnali e denunciarla.
Un po' di storia. Sono passati trentuno anni, da quando a Torino nasceva Equilibra. "Un'azienda che ha anche un'anima etica - spiega Zuccarelli - consapevole che la propria crescita è stata determinata da chi, acquistando questi prodotti, ha aderito a un progetto di più largo respiro". Dunque, il benessere fisico che si sposa con quello interiore. "L'azienda ha voluto ridistribuire parte di questa ricchezza occupandosi di progetti sociali che mirano ad aiutare il prossimo". Nascono così: "EssereDonna", che si batte contro la violenza sulle donne e "A scuola di rispetto" per educare i ragazzi alla convivenza democratica. "Per portare avanti queste iniziative, Equilibra finora si è sempre autofinanziata e oggi, più che mai - conclude Zuccarelli - è necessario l'aiuto di tutti: sia dal punto di vista finanziario che intellettuale".

In collaborazione con:
Equilibra

Archiviato in