Il 12% dei suicidi è di adolescenti, la storia di Amina

In un libro il racconto di come una di loro si è salvata

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 4 OTT - Amina ha quattordici anni. Una mattina a casa apre la finestra del bagno per buttarsi di sotto. La madre la vede dalla finestra di fronte, i loro sguardi si incontrano, la donna scongiura la figlia di non gettarsi giù e finché rimangono in contatto con lo sguardo Amina resta in bilico sul davanzale. Ma la madre non regge e corre cercando di raggiungerla. Amina si butta dal quarto piano di un palazzo in una città che non sappiamo, il suo nome è di fantasia, ma la sua storia è quella di una preadolescente che miracolosamente è sopravvissuta al suicidio. Un dramma che è la seconda causa di morte sotto i 20 anni e riguarda gli adolescenti nel 12% del totale dei casi. Amina rimarrà per 17 giorni in rianimazione e per due lunghi mesi in ospedale. Le ferite sono profonde, si è spaccata entrambe le gambe, un polmone è danneggiato. I colloqui con gli psicoterapeuti che l'hanno seguita, sono diventati un libro: 'Riscrivere la speranza. Storia di un' adolescente che voleva morire e ha imparato a volare' edizioni San Paolo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA