Violenze e abusi su minori, parte progetto "Pulire non basta"

Ogni 5 minuti un bimbo ne è vittima, maxi affissioni in Campania

Redazione ANSA NAPOLI

(ANSA) - NAPOLI - Ci sono aziende che adottano un progetto sociale divenendo "solidali". E ci sono realtà imprenditoriali come Clendy, azienda di prodotti per la cura della casa e della persona, che si schierano in prima linea realizzando un proprio progetto di comunicazione sociale. Nasce con l'idea di aiutare concretamente i bambini vittime di abusi, delle violenze e delle discriminazioni razziali, la campagna "Pulire non basta", che da oggi si concretizza in Campania con maxi affissioni, cartellonistica, mezzi dinamici e web. Il viso di tre fanciulle rappresenta altrettanti drammi, sintetizzati nella scritta sul volto "Abuso", "Violenza" e "Razzismo", con il pay-off "Riconosci i segni" e gli slogan #NoAbuso, #NoViolenza, #NoRazzismo. I numeri riguardanti ogni forma di violenza o abuso sui bambini sono drammatici: secondo i dati di alcune organizzazioni umanitarie ogni 5 minuti nel mondo un bambino muore per le violenze subite
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA