Firenze ricorda vittime Georgofili

Autorità, familiari e chi accorse per dare aiuto

Redazione ANSA FIRENZE

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAG - Una Messa in ricordo delle vittime dell'attentato di via de' Georgofili è stata celebrata stamani nella chiesa di San Carlo a Firenze, in occasione del 25esimo anniversario della strage. Alla cerimonia, officiata da don Vasco Giuliani, rettore della chiesa di San Carlo, erano presenti autorità civili e militari e anche alcune delle persone, che per prime, accorsero sul luogo della strage. "Sono quelle ricorrenze che è molto importante ricordare perchè se si vuole progredire e crescere non possiamo dimenticarci del passato - ha spiegato il presidente dell'Accademia dei Georgofili Pietro Piccarolo -. E' stato un atto terribile ed anche vigliacco che ha colpito persone innocenti che non c'entravano niente e dimostra tutta la vigliaccheria e quanto crudeli siano stati quegli anni ed in particolare la mafia che voleva entrare a patti con lo Stato e quindi si è macchiata di queste cose enormemente terribili". "Sono 25 anni da quella notte tragica per Firenze - ha ricordato l'assessore comunale allo Sviluppo economico Cecilia Del Re - che ha colpito la nostra città al suo cuore provocando l'uccisione di cinque persone che oggi in questa messa vogliamo ricordare. Oggi siamo anche insieme a persone che quella notte accorsero subito sul posto, tra questi il direttore di allora dell'Accademia che arrivò e che mi raccontava che non riuscivano ancora a capire bene quello che era successo. Quello che è accaduto, peraltro, lo vediamo bene anche in una mostra che è stata allestita agli Uffizi per i 25 anni di questa strage e che fa ripercorrere anche i momenti di quella notte. E' importante fare memoria anche per i più giovani, per coloro che non hanno vissuto quei tragici fatti e per capire quanto in questi 25 anni è stato fatto per ricostruire questa parte di Firenze". Stamani inoltre, al cimitero La Romola, deposizione di un cuscino di rose sulla tomba della famiglia Nencioni.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: